« Torna indietro

Casamonica

Il Casamonica derubato che fa arrestare il ladro

Pubblicato il 19 Maggio, 2022

I Casamonica sono temuti in tutta Roma e controllano molti degli affari criminali che si svolgono nella capitale. La loro attività non si limita però solo a Roma: sono presenti, con le loro ramificazioni, in molte zone del Sud, organizzati come le ‘ndrine calabresi, e come le ‘ndrine sono a “tenuta stagna”, con l’alleanza tra i vari esponenti cementata da legami familiari. Ma c’è chi non sa cosa sia la paura…

Un membro della famiglia Casamonica è stato beffato e derubato sotto il naso da un romeno.

Il ladro era convinto di aver fatto un bel colpo, portandosi via due giorni fa una costosa bicicletta elettrica, incatenata in una via trafficata del Quadraro.

Non poteva certo immaginare che il proprietario fosse un componente della numerosissima famiglia. Mentre rubava la bici, la vittima, Amabile Casamonica, 48 anni, ha visto tutta la scena ed è riuscito nel giro di pochi minuti ad acchiapparlo e a farlo arrestare dai poliziotti.

Lazar Bogdan Bejinaru, 39enne originario della Romania, è stato processato per direttissima davanti al Tribunale monocratico di Roma. Il giudice ha convalidato l’arresto del giovane e disposto l’obbligo di firma due volte a settimana. Il pm Silvia Santucci contesta all’imputato il furto aggravato.

LA DINAMICA DEL COLPO

I fatti si sono consumati il 17 maggio scorso. Sono appena passate le sei di pomeriggio quando l’imputato, secondo quanto emerge dal verbale, si trova a passare davanti al civico 53 di via dei Consoli, in zona Quadraro, e nota una bicicletta elettrica del valore di quasi duemila euro, parcheggiata in strada. È ben chiusa, con tanto di lucchetto antifurto. Ma, nonostante la via trafficata, riesce a liberarla dalle catene e a portarsela via. È convinto, forse, di aver fatto il colpo della giornata.

Casamonica
Villa dei Casamonica

Alcuni componenti del clan familiare dei Casamonica (che aveva il suo quartiere generale a vicolo di Porta Furba) lo scorso settembre sono stati condannati per associazione mafiosa.