« Torna indietro

Movida

Catania, malamovida rende invivibile il centro storico: comitati citano in giudizio il Comune

I Comitati Centro Storico Bellini e Gemmellaro/Sciuti e l’Associazione Centro Storico denunciano il clima di invivibilità del centro storico di Catania presente ormai da diversi anni attraverso l’avvocato Alberto Vella.

Pubblicato il 15 Luglio, 2022

L’uno luglio numerosi residenti (appartenenti ai comitati cittadini Comitato Centro Storico Bellini, Associazione Centro Storico e Comitato Gemmellaro/Sciuti), patrocinati dall’avvocato Alberto Vella, hanno citato in giudizio il Comune di Catania. La citazione fa seguito a diversi anni, in alcuni casi anche 20, di interlocuzioni con le amministrazioni comunali ed autorità, rivelatesi del tutto infruttuose.

I miei clienti denunciano anni di grave disagio a causa della cosiddetta malamovida: sono stati infatti violati i loro diritti costituzionali alla salute, all’inviolabilità del domicilio ed al godimento della proprietà, nonché l’imprescindibile diritto al riposo – dichiara il legale dei residenti –. La responsabilità di tali violazioni è riconducibile alla condotta colpevole del Comune, che, pur essendo il soggetto deputato al rispetto della sicurezza, della salute e della quiete pubblica, ha omesso ogni efficace forma di controllo sul quartiere, pur a fronte dei molteplici e costanti solleciti da parte dei residenti e dei Comitati cittadini in relazione all’intollerabilità della situazione. Chiediamo quindi che il Comune venga condannato al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale subito dai residenti, nonché che gli venga ordinato di adottare una serie di misure per rendere il quartiere del centro storico più sicuro e vivibile”.

Le questioni per cui è stato citato in giudizio il Comune sono in particolare la mancanza di tutela dall’inquinamento acustico e le politiche a favore di un’occupazione senza regole e senza controlli di suolo pubblico. Si ritiene il Comune, tra le altre cose, responsabile di non aver mai effettivamente applicato il Regolamento per la Tutela dall’Inquinamento acustico adottato nel 2013.

Le prime relazioni Arpa, effettuate nel lontano 2012, evidenziavano già il clima acustico intollerabile a cui erano sottoposti i residenti del centro storico; da allora la situazione non è mai migliorata, tutt’altro. Si è infatti assistito a un’escalation di aperture di locali che, pur non avendo i requisiti e le autorizzazioni necessarie, hanno fatto di alcune vie del centro delle vere e proprie discoteche a cielo aperto, dimenticando il carattere residenziale che fortunatamente distingue il centro storico di Catania. Diverse zone del centro storico, a seguito di una miopia politica prima e di una mancanza di applicazione delle regole poi, sono diventate tappeti di tavolini che ostacolano persino il transito in sicurezza dei pedoni e dei mezzi di soccorso, l’utilizzo dei passi carrai dei residenti e persino la sicurezza degli avventori.

In questo clima di assenza di regole e di controlli, alcune zone del centro storico sono state destinate esclusivamente al divertimento notturno, dimenticando del tutto la presenza e i diritti di chi in quelle zone ha investito per l’uso residenziale, bloccando di fatto il processo malsano dello spopolamento.

Immagine di repertorio