« Torna indietro

Controlli a tappeto dei carabinieri a Poggiomarino e Striano: raffica di arresti, denunce e sequestri

Pubblicato il 3 Dicembre, 2021

Servizio alto impatto disposto dal comando provinciale carabinieri di Napoli a Poggiomarino e a Striano, con il supporto del nucleo elicotteristi di Pontecagnano e del Nas.

I Carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, insieme ai colleghi forestali, hanno setacciato le strade ed effettuato diversi controlli. Prezioso anche il contributo fornito dal personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato.

Arresti e denunce

Arrestato C.D.P. in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale di Milano. L’uomo, 54enne di Poggiomarino già noto alle forze dell’ordine, dovrà scontare la pena della reclusione di 2 anni e 10 mesi per reati contro il patrimonio. Denunciati a piede libero un 18enne e un 44enne perché trovati alla guida senza aver mai conseguito la patente.

Controlli a tappeto nelle concessionarie di Striano e Poggiomarino

Ispezioni a tappeto durante le quali è stata controllata una concessionaria di Striano dove i Carabinieri hanno denunciato il titolare per deposito di rifiuti incontrollato. Denunciato per ricettazione il titolare di un’altra concessionaria che si trova a Poggiomarino. Nella sua attività, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un’auto rubata e una centralina elettronica utilizzata per il furto.

Fari puntati sulla sicurezza sui luoghi di lavoro

Denunciata la titolare di un bar di Poggiomarino dove i militari hanno trovato un lavoratore in nero. L’attività è stata chiusa.

Molteplici le violazioni penali accertate in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e carenze igienico-sanitarie, strutturali e autorizzative. Per la donna anche sanzioni per un importo complessivo di quasi 30mila euro.

I carabinieri hanno controllato anche diversi minimarket. Sequestrati 300 chili di alimenti non tracciati. Durante il controllo a largo raggio i Carabinieri hanno chiuso anche una sala giochi di Striano dove sono stati trovati 2 apparecchi non conformi ai requisiti di legge ed adibiti abusivamente al gioco. Per il titolare una sanzione da 20mila euro.

Skip to content