« Torna indietro

Estorsione

“Cravattari” per conto di un imprenditore, arrestati due estorsori del clan Cesarano a Sant’Antonio Abate

Il debito per una nota società di raccolta di rifiuti della zona era salito a 100.000 euro.

Pubblicato il 10 Maggio, 2022

Questa notte, a  Sant’Antonio Abate (Na) e Pompei (Na), i militari della Compagnia Carabinieri di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 2 indagati, collegati al clan Cesarano, operante a Castellammare di Stabia ed in aree limitrofe, gravemente indiziati del reato di tentata estorsione aggravata dal metodo e dalla finalità camorristica.

L’attività investigativa, condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castellammare di Stabia e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha consentito di accertare che gli odierni indagati, facendo leva sulla loro appartenenza al clan Cesarano, avrebbero minacciato con atti minatori i titolari di un’importante società di raccolta rifiuti di Sant’Antonio Abate con l’obiettivo di restituire il debito di 100.000,00 euro circa contratto nei confronti di un altro imprenditore.

Nello specifico i due arrestati, assolutamente estranei alla compagine sociale dell’azienda creditrice, tra i mesi di novembre e di dicembre del 2020 si sarebbero adoperati per recuperare il corrispettivo economico di alcune forniture risalenti al 2017 ed al 2018, imponendo, parallelamente alla riscossione del debito, anche la restituzione della merce giacente.

Al termine delle formalità di rito, i due indagati saranno associati al carcere.

Gli arrestati sono Giovanni Cafiero, classe ’79, e Gennaro Spronello, classe ’81.