« Torna indietro

Mario Draghi emergenza

Italian Prime Minister Mario Draghi attends a press conference at the Chigi Palace in Rome, Italy, 05 October 2021. ANSA/Roberto Monaldo / POOL

Quirinale, ieri 672 schede bianche, si fa largo l’ipotesi Draghi

Quirinale, ieri 672 schede bianche, si fa largo l’ipotesi Draghi

Pubblicato il 25 Gennaio, 2022

Ieri prima giornata delle votazioni per l’elezione del tredicesimo presidente della Repubblica, terminata con un atteso nulla di fatto. Al termine dello spoglio nell’Aula di Montecitorio, le schede bianche sono state 672, 49 quelle nulle. I voti dispersi sono stati pari a 88. In tutto i presenti e i votanti sono stati 976 rispetto ai 1008 previsti. Il quorum non è stato raggiunto

Mario Draghi a colloquio

Nel pomeriggio di oggi si procederà, a partire dalle 15.00 con la seconda votazione. Ancora una volta serviranno i 2/3 degli aventi diritto, cioè 672 voti per eleggere il nuovo Capo dello Stato. E intanto continuano le trattative tra i partiti per trovare la quadra sul nome del futuro presidente della Repubblica. Un nome condiviso e di alto profilo.

Ieri regista della scena politica è stato Matteo Salvini, leader della Lega che ha incontrato il premier Mario Draghi e poi i leader di Pd e M5S Letta e Conte, con i quali, è stato “aperto un dialogo“, così come è stato spiegato in una nota congiunta.

Ma a dare una svolta ai movimenti politici è stato Draghi stesso che è ufficialmente sceso in campo in prima persona, dando il via a un chiaro dialogo con i partiti.

Il confronto con Berlusconi

Infatti, nella mattinata di ieri il primo a varcare la soglia di Palazzo Chigi è stato Matteo Salvini. Nel primo pomeriggio Draghi ha proseguito nel suo confronto con i leader dei partiti e ovviamente, ancora non è finito qui. Il premier ha parlato a lungo anche con Enrico Letta e con Giuseppe Conte.  E appena le condizioni di salute lo permetteranno, sicuramente, Mario Draghi avrà un confronto anche con Berlusconi.

E intanto al termine di una giornata di apparente impasse arriva il commento all’Ansa dell’altro Matteo, Renzi: “Draghi al Quirinale è una delle ipotesi, non la sola. Draghi ha sempre detto di essere a disposizione delle istituzioni, bisogna dirgli solo grazie per quello che ha fatto e farà”. Ma quello che per ora è sicuro è che anche oggi sarà una giornata di ipotesi e colloqui.

x