« Torna indietro

Elena Del Pozzo

Elena Del Pozzo, interrogata la madre: “L’ho uccisa da sola nel campo”

Pubblicato il 17 Giugno, 2022

Ha ucciso la figlia. Da sola, Non in casa, così come all’inizio della angosciante vicenda si era ipotizzato, ma nel luogo indicato agli inquirenti per trovare il corpo martoriato della piccola Elena Del Pozzo.

Elena Del Pozzo
Martina Patti

La 23enne Martina Patti, nell’interrogatorio davanti al Gip di Catania, ha sostanzialmente confermato gran parte di quanto detto nelle dichiarazioni rese a carabinieri e Procura.

L’interrogatorio di garanzia si è concluso intorno alle 11.30 all’interno della casa circondariale di Piazza Lanza: la donna è accusata anche di occultamento del cadavere della figlia Elena. L’udienza si è tenuta davanti al Gip Daniela Monaco Crea. Ad assistere la donna l’avvocato Gabriele Celesti, che ieri sera aveva avuto una videochiamata con la donna in vista dell’interrogatorio di oggi. “Abbiamo parlato mezzora – ha riferito ieri l’avvocato – È molto provata e scossa dallo stato di detenzione. Quando parla della figlia è travolta dall’emozione e piange, ma vuole collaborare con gli inquirenti”.

Molto più cauto è stato il legale, in mattinata, all’uscita dal carcere dopo l’interrogatorio: “Si è svolto l’ interrogatorio e il giudice si è riservato sull’ordinanza di convalida. La mia assistita ha riposto alle domande. Non posso aggiungere dettagli di nessun tipo. I punti oscuri saranno oggetto di approfondimento investigativo anche alla luce delle dichiarazioni che sono state fatte”.

In Procura si sottolinea che “adesso non ci resta che attendere l’esito degli accertamenti tecnici, già sollecitati, e quelli dell’autopsia”.

L’esame medico legale sul corpo della bambina di appena 5 anni sarà eseguito nel pomeriggio nell’obitorio dell’ospedale Cannizzaro di Catania.

La Procura e l’avvocato Celesti hanno nominato i rispettivi consulenti di parte. L’esame medico legate è importante per chiarire definitivamente qual è stata l’arma del delitto, probabilmente un coltello. E quanti sono i colpi sferrati dalla madre.

Domani la Scientifica dei carabinieri farà i rilievi nell’abitazione dove risiedevano madre e figlia. Cercheranno soprattutto tracce di sangue per stabilire, se, così come sostengono gli inquirenti, la piccola è stata uccisa in casa e soltanto dopo portata nel luogo dove è stato trovato il cadavere. Oppure se è vera la versione confermata oggi dalla madre.