« Torna indietro

speranza

Elezioni in Sicilia: tavolo nazionale del centro destra sui candidati

L’incontro a Roma avrà per il centro destra come epicentro quello di un eventuale Musumeci bis.

Pubblicato il 11 Aprile, 2022

Le elezioni, di ogni tipologia, in Sicilia si avvicinano e nel centro destra si pensa già a chi candidare con un occhio in particolare alle scelte per alcuni casi, come Palermo, dove si andrà alle urne il prossimo 12 giugno. Per la giornata di domani a Roma è previsto un tavolo fra tutti i partiti allo scopo soprattutto di trovare una forte coalizione con Fratelli d’Italia.

La comunione di intenti sarebbe quello di cui ha bisogno la Sicilia in questo periodo, anche se al momento prevalgono due problematiche, quelle relative rispettivamente alle elezioni regionali e a un eventuale Musumeci bis. Da un lato in questo tavolo nazionale si starebbe cercando di chiudere l’accordo solo sulle amministrative rimandando a una fase successiva la scelta del candidato, cosa che non lascerebbe nessuna possibilità di vedere Nello Musumeci presidente della Regione per un secondo mandato.

Dall’altro lato trovare un’intesa sulle comunali porterebbe invece a una ricandidatura di Musumeci e quindi alla possibilità di un suo secondo mandato. Intanto Silvio Berlusconi avrebbe suggerito di chiudere l’accordo riguardo alle comunali di Palermo per occuparsi delle regionali in seguito. Una posizione nella quale sarebbero anche la Lega, gli autonomisti e l’Udc.

Ma c’è anche chi pensa che il centro destra potrebbe presentarsi alle comunali di Palermo spaccato. Intanto i nomi certi per il capoluogo siciliano sono Francesco Scoma (Prima l’Italia-Lega), Carolina Varchi (Fratelli d’Italia), Roberto Lagalla (Udc), Totò Lentini (Mna-autonomisti) e Francesco Cascio (Forza Italia).

Immagine di repertorio