« Torna indietro

Fabio Basile

Fabio Basile: “Ancora non sappiamo perché mio fratello sia morto”

Pubblicato il 3 Dicembre, 2022

“Era un guerriero, ha vinto molte battaglie nella sua vita”.

Così Fabio Basile.

Il campione di Judo, è tornato a Verissimo per parlare di un argomento molto delicato.

Ha messo a nudo il dolore per la scomparsa di suo fratello Michael, 32 anni, avvenuta soltanto un anno fa.

Un dolore immenso, che Basile ha voluto condividere con Silvia Toffanin, che per tutta l’intervista ha fatto grande fatica, tra occhi rossi, lacrime e pure qualche singhiozzo. 

Dopo lo choc iniziale, il campione di judo ha trovato la forza per andare avanti anche per il fratello.

Il momento più difficile dell’intervista è stato quando è stata mandata in onda la clip dedicata anche al fratello: Fabio si è commosso e la Toffanin singhiozzava.

“Non si può morire così giovani, a 32 anni”, ha dichiarato la padrona di casa.

“Devi trasformare il dolore in benzina – ha confidato Basile – se esiste un altro mondo, l’unico modo per rendere fiero mio fratello e la mia famiglia è quello di rialzarmi e vincere le mie battaglie. Sia nel judo sia nella vita”. 

A distanza di un anno, ancora non sono note le cause della morte del fratello.

Fabio Basile

“Noi ancora non sappiamo cosa sia successo, è passato un anno. Io penso che il suo cuore si sia fermato. Era stanco, non so come spiegare… Non si sa niente”.

“Quando lo saprò darò un sospiro di sollievo. Adesso voglio portare quegli occhi sul gradino più alto del podio in una competizione di judo. L’ho promesso e lo farò, sono certo che sarà orgoglioso di me e festeggerà”.

Skip to content