« Torna indietro

L'assessore alla cultura del Veneto Cristiano Corazzari

FERMO PESCA, CORAZZARI: “PENALIZZA SETTORE GIA’ IN DIFFICOLTA’”

Il raddoppio delle giornate di fermo tecnico è una misura inaccettabile che va a colpire ulteriormente un settore in forte difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria

“Il raddoppio delle giornate di fermo tecnico è una misura inaccettabile che va a colpire ulteriormente un settore in forte difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria. Non c’è stato alcun confronto né con le Regioni né con le associazioni di categoria e professionali. Si tratta di una nuova forte penalizzazione che le nostre imprese non sono in grado di sostenere, il rischio è che tagliando in questo modo le giornate lavorative la produttività scenda sotto la soglia di sopravvivenza con la conseguenza disastrosa di veder chiudere molte attività provocando in più pesanti ricadute occupazionali”. Così l’assessore regionale alla Pesca Cristiano Corazzari commenta la notizia della pubblicazione di un nuovo decreto della Direzione Generale Pesca del ministero delle Politiche agricole con la quale si prevede, dopo i 40 giorni di fermo pesca biologico il raddoppio delle giornate di fermo pesca tecnico passando dagli attuali 15 a 30 giorni per barche inferiori ai 24 metri, e dagli attuali 20 a 40 giorni di stop per imbarcazioni di lunghezza superiore.

“La pesca è un comparto di primaria importanza per il Veneto e non possiamo che condividere le forti preoccupazioni espresse dalle associazioni di categoria e professionali per il nuovo decreto – conclude Corazzari – Il settore deve fare i conti con il drastico calo dei consumi di pescato dovuto all’emergenza sanitaria e alla chiusura del canale Horeca, un’ulteriore penalizzazione soprattutto in un momento come questo non è sostenibile”.

“La pesca è un comparto di primaria importanza per il Veneto e non possiamo che condividere le forti preoccupazioni espresse dalle associazioni di categoria e professionali per il nuovo decreto – conclude Corazzari – Il settore deve fare i conti con il drastico calo dei consumi di pescato dovuto all’emergenza sanitaria e alla chiusura del canale Horeca, un’ulteriore penalizzazione soprattutto in un momento come questo non è sostenibile”.

x