« Torna indietro

La storia dell’uomo che ama sua sorella e lotta per la legalità dell’incesto

Pubblicato il 3 Maggio, 2022

Continua la lotta di Patrick Stuebing per rendere legale l’incesto 

Il 44enne, nato a Lipsia, in Germania, ha avuto quattro figli con sua sorella.

Stuebing è stato adottato da bambino e non ha incontrato sua sorella minore Susan Karolewski, 37 anni, finché non ha rintracciato la sua famiglia naturale a 20 anni, nel 2000. Dopo essersi trasferito a casa della madre, Stuebing e Karolewski hanno iniziato una relazione un mese dopo l’incontro.

Patrick aveva 16 anni all’inizio della relazione. La storia della coppia ha suscitato profonde divisioni nell’opinione pubblica. In Germania, ogni anno vengono condannate non più di una decina di persone per il reato di incesto. E per lo più si tratta di padri che abusano delle figlie. I sostenitori della legge, dunque, dicono che la norma e la pena vanno mantenute per limitare questi casi. In realtà, l’abuso di un genitore è punito da altre leggi e da ben altre pene, controbattono coloro che vorrebbero l’abolizione del paragrafo 173. Nel caso di due fratelli adulti consenzienti, sostengono, non ci sono ragioni sociali per una legge del genere, solo la difesa di un tabù sulla base di considerazioni morali contrarie alla libertà sessuale. Winfried Hassemer, il giudice costituzionale, di orientamento liberale, che ha espresso parere opposto agli altri sette colleghi della Corte Costituzionale tedesca, ha sostenuto che “allo stato attuale le regole sono basate esclusivamente su un credo morale invece di avere l’obiettivo di una protezione legale”.

La coppia, che ha difeso a lungo la loro relazione, ha avuto quattro figli tra il 2001 e il 2005, due dei quali disabili.

In precedenza, parlando della loro unione, Patrick ha detto: “Non ci sentiamo in colpa per quello che è successo tra di noi. Vogliamo che sia abolita la legge che rende l’incesto un crimine”.

VITTIME DEI GENITORI

Stuebing era il terzo di otto figli nati in una famiglia povera, ignorante e disfunzionale. Il suo violento padre, ora morto, lo aggredì con un coltello quando aveva tre anni e fu poi adottato. 

Susan è nata nella stessa famiglia infelice, lo stesso giorno in cui hanno divorziato i loro genitori.

Le è stata privata l’infanzia, con sua madre Ana Maria, disoccupata e fumatrice accanita, che spesso la lasciava a casa da sola o si intratteneva gli amanti mentre la bambina era in casa.

Poco istruita e a malapena in grado di scrivere, Susan ha precedentemente parlato di non essere amata e di essere un peso per sua madre.  

Altri sei fratelli e sorelle, alcuni dei quali nati con disabilità, sono morti durante l’infanzia. 

Uno è stato investito e ucciso all’età di sette anni.

Un’altra sorella con handicap mentale è morta all’età di otto anni. 

Quando Stuebing aveva 18 anni decise di trovare i suoi genitori biologici. 

Quattro anni dopo rintracciò sua madre e scoprì Susan. 

Si trasferì e, sorprendentemente, Ana Marie gli permise di condividere la camera da letto della sua giovane figlia. 

Parlando della sua relazione con l’allora quindicenne nel 2007, ha detto: “Siamo stati entrambi alzati fino a tarda notte per parlarci delle nostre speranze e dei nostri sogni”.

Sei mesi dopo, Ana Marie morì di infarto. Susan era vicina a uno dei suoi fratelli disabili, Andre, ma morì nello stesso anno.

L’allora adolescente iniziò a fare sempre più affidamento su suo fratello.

Con le sue stesse parole: “La fiducia è diventata un diverso tipo di amore quando nostra madre è morta sei mesi dopo”.

Nel frattempo ha detto: “Sono diventato capofamiglia e dovevo proteggere mia sorella. Lei è molto sensibile, ma ci siamo aiutati a vicenda durante questo periodo molto difficile e alla fine quel rapporto è diventato fisico”.

IL PROCESSO

La coppia è stata processata per incesto nel 2002. Il tribunale distrettuale di Lipsia ha sottolineato come Stuebing “si fosse preoccupato solo all’inizio di usare i preservativi”. 

Stuebing è stato condannato a un anno di reclusione con sospensione della pena dopo essere stato dichiarato colpevole a tutti gli effetti. Susan, allora 17enne, è stata trattata come una minore e affidata alle cure dei servizi per i giovani.

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha affermato che i tribunali tedeschi non hanno condannato Karolewski perché ha un disturbo della personalità ed era “solo parzialmente responsabile” delle sue azioni.

La base principale della condanna di Stuebing, ha affermato la CEDU, era “la protezione del matrimonio e della famiglia” perché il comportamento della coppia offuscava i ruoli familiari.

Ha anche rilevato “il rischio di danni significativi” per i bambini nati dall’incesto, che è vietato in parte a causa della maggiore probabilità di disabilità.

Tuttavia, nel 2014 il Consiglio etico tedesco ha fatto una scioccante inversione di marcia e ha votato a favore dell’incesto tra fratelli.

Hanno affermato che il rischio di disabilità non era sufficiente per giustificare la legge dopo aver esaminato il caso della coppia.

Si ritiene che la coppia viva ancora insieme nella Germania orientale, dove rimane ancora la legge secondo cui l’incesto tra fratelli è illegale.   

È anche illegale nel Regno Unito e punibile con l’ergastolo.

x