« Torna indietro

green pass

Troppi certificati di malattia dopo obbligo green pass tra i dipendenti pubblici: indaga la procura

Pubblicato il 21 Gennaio, 2022

La Procura di Bari ha aperto un’indagine conoscitiva – senza ipotesi di reato, quindi senza indagati – sui certificati medici presentati da alcuni lavoratori dopo l’entrata in vigore dell’obbligo del green pass base (vaccino o tampone negativo) sul luogo di lavoro scattato il 15 ottobre scorso.

La Procura di Bari ha aperto un’indagine conoscitiva – senza ipotesi di reato, quindi senza indagati – sui certificati medici presentati da alcuni lavoratori dopo l’entrata in vigore dell’obbligo del green pass base (vaccino o tampone negativo) sul luogo di lavoro scattato il 15 ottobre scorso.

green pass

Gli accertamenti della Procura sono stati avviati dopo alcune segnalazioni relative a lavoratori, anche rappresentanti delle forze dell’ordine e comunque prevalentemente dipendenti pubblici, che si sarebbero messi in malattia immediatamente prima dell’entrata in vigore dell’obbligo, così evitando – in quanto non vaccinati – di doversi sottoporre a tampone ogni due giorni per andare a lavoro o di essere sospesi senza retribuzione.

L’inchiesta, ancora in fase embrionale, punta a verificare anche l’eventuale compiacenza di medici che potrebbero aver certificato false malattie.

FONTE

x