« Torna indietro

La Lazio domina la Salernitana e in classifica supera la Roma, che a Venezia perde 3 punti importanti

Sarri imbocca la strada giusta, la sua squadra ora è a -1 dall’Atalanta al quarto posto, la Roma non riesce a ritrovare lucidità

Una Lazio brillante nello stadio Olimpico di Roma che vince la partita contro la Salernitana, valida per la dodicesima giornata di Serie A tim, per 3-0.

Autore del primo goal è Ciro Immobile che insacca una rete decisiva e stacca nella classifica marcatori di tutti i tempi del club capitolino Silvio Piola, diventando il migliore realizzatore di sempre. Immobile, inoltre, è il primo giocatore nella storia della Lazio capace di andare in doppia cifra di gol in sei stagioni di fila in Serie A.

L’assist su cui segna Ciro è dello spagnolo numero 9, che al 36′ firma il 2-0. Ma Pedro continua il suo show e nel secondo tempo si intrufola verso l’area della Salernitana, attira su di sè tutta la difesa e appoggia un pallone d’oro per Felipe Anderson che però da posizione perfetta sbaglia tirando sopra la traversa. Anderson si rifà poco dopo con un lancio di classe per Luis Alberto, che stoppa di petto e la piazza sul secondo palo, di fatto concludendo il match. Un goal meritato per il numero 10 che incornicia una partita impeccabile sia sul piano offensivo che difensivo.

Altra storia invece per i giallorossi, soffrono e perdono in casa dei lagunari. La squadra di Mourinho cede per 3-2 contro la squadra di Zanetti, una partita che anche questa volta non convince. I lagunari vanno in vantaggio da subito al minuto 3 con il goal di Caldara, la Roma reagisce a testa bassa nonostante il rigore mancato per la segnalazione di un fuorigioco e trova il goal del pareggio con Shomurodov. Carichi di entusiasmo i giallorossi vanno anche in vantaggio con Abraham che rompe il digiuno e segna il 2-1.

Nel secondo tempo però arriva il discusso episodio che concede il rigore al venezia, punizione per un contatto di Cristante su Caldara, Aramu è impeccabile dagli 11 metri e il Venezia pareggia. Mourinho sbilancia la squadra, entrano Zaniolo e Perez su Kumbulla ed El Shaarawy e arriva dopo poco il 3-2 dei lagunari, su contropiede di Okereke.

Una mazzata per la Roma che, disorientata, rischia anche di subire il poker, uscendo tra i fischi e le critiche dei propri tifosi.

La squadra di Sarri supera quindi i giallorossi in classifica, arrivando a 21 punti, -1 dall’Atalanta al quarto posto.

x