« Torna indietro

Mondo crypto: boom di iscritti per le piattaforme di criptovalute

Le piattaforme spesso denominate “di criptovalute”, ovvero quelle che consentono di investire o di acquistare le valute digitali, negli ultimi due anni sono state oggetto di un vero e proprio boom riguardante il numero di iscritti.

Pubblicato il 23 Settembre, 2022

Le piattaforme spesso denominate “di criptovalute”, ovvero quelle che consentono di investire o di acquistare le valute digitali, negli ultimi due anni sono state oggetto di un vero e proprio boom riguardante il numero di iscritti. Questo dimostra in modo evidente che la fiducia delle persone nei confronti di questo asset è salita in modo evidente e che si è notevolmente ridotto il timore che dietro la compravendita crypto possano celarsi delle truffe. Purtroppo però questo fenomeno non è stato completamente eliminato ma sono state condotte molte campagne informative finalizzate ad illustrare le modalità per investire in maniera sicura.

Oggi chi desidera investire in criptovalute ha la possibilità di prendere in considerazione due alternative e dovrebbe assolutamente evitare altre forme meno note, che in alcuni casi vengono pubblicizzate sui social network promettendo dei guadagni miracolosi. Le due alternative di riferimento sono: utilizzare un Exchange di criptovalute o ricorrere ad un broker regolamentato. La prima opzione consente di acquistare realmente delle crypto, di detenerle nel proprio portafoglio digitale e di utilizzarle per i pagamenti (sui circuiti che accettano le valute virtuali), la seconda è invece puramente speculativa e finalizzata alla realizzazione di un crypto investimento.

Come scegliere la piattaforma per criptovalute

Per capire quale siano le migliori piattaforme per criptovalute può essere utile consultare la guida dedicata messa a disposizione da abcfinanze.com, portale specializzato nelle negoziazioni digitali che offre tutti gli strumenti necessari per aiutare gli utenti a creare una buona strategia di investimento. Ad esempio, gli exchange sono delle piattaforme ancora non regolamentate dalla legislazione internazionale che servono appunto per vendere e acquistare delle criptovalute, così realmente detenute all’interno di un portafoglio digitale. Questa soluzione è indicata soltanto per chi intende avere delle crypto nel proprio wallet per effettuare dei pagamenti con il loro utilizzo.

Per chi invece desidera investire sulle crypto è decisamente più indicato scegliere un broker regolamentato tra i tanti proposti dalle migliori guide di settore. Questi strumenti sono infatti completamente sicuri e, grazie alle garanzie in loro possesso, equiparati a delle banche online. I broker tengono sempre i fondi investiti dai trader separati dagli utili prodotti dalla piattaforma e consentono di effettuare gli investimenti tramite i CFD, ovvero i contratti per differenza. Questa modalità di investimento presenta diversi vantaggi, come ad esempio:

  • Assenza di commissioni sulle compravendite.
  • Presenza di molti asset.
  • Spread ridotti.
  • Cataloghi crypto ampi.
  • Grafiche di navigazione intuitive.
  • Modalità demo per test.
  • Corsi di formazione gratuiti.
  • Strumenti di gestione aggiuntivi.

Di conseguenza per chi desidera utilizzare le valute virtuali per i propri acquisti la scelta migliore e obbligata prevede sicuramente l’utilizzo degli Exchange, e in questo caso gli esperti consigliano Binance o Coinbase che sono i più utilizzati al mondo e i più autorevoli. Al contrario chi desidera effettuare un investimento speculativo ricorrendo alle criptovalute fa bene a rivolgere la propria attenzione ai migliori broker, indicati nelle guide di settore, come ad esempio: eToro (leader del settore), Plus 500, FP Markets, XTB o Capital.com.

Come scegliere le criptovalute

La scelta delle crypto da inserire nel proprio portafoglio dovrebbe essere sempre soppesata con molta attenzione. Questo asset è infatti per natura contraddistinto da una volatilità molto elevata e ciò significa che le crypto sono in grado di realizzare degli incrementi di volume significativo nel giro di pochissimo tempo ma anche di perdere quota molto rapidamente. Per questa stessa ragione le criptovalute vengono utilizzate, non senza correre un rischio elevato, negli investimenti a breve termine.

Chi investe a lungo termine solitamente decide di includere nel proprio portafoglio Bitcoin ed Ethereum, che sono le due valute digitali più capitalizzate e leggermente meno soggette alla volatilità. A queste vengono poi aggiunte delle crypto emergenti sulle quali si concentra la speranza che possano “esplodere” in futuro. In generale prima di scegliere una valuta digitale sarebbe importante prendere in considerazione il progetto che questa si propone di realizzare e il sostegno che riscuote sul web.

Infine è sicuramente utile seguire anche le notizie del settore che possono mostrare delle importanti novità e aprire nuovi spiragli interessanti agli investitori, come recentemente avvenuto con la “svolta sostenibile” di Ethereum. Le criptovalute sono indubbiamente un asset molto interessante, i cui investimenti dovrebbero sempre essere soppesati con molta attenzione, in quanto presentano dei rischi non trascurabili a cui si abbinano però anche delle notevoli potenzialità e proprio queste sono alla base del recente boom fatto registrare dalle piattaforme di criptovalute.

Skip to content