« Torna indietro

Fino Mornasco

Mummificato dentro casa: la madre non si avvede della morte del figlio

Pubblicato il 10 Maggio, 2022

E’ stato trovato ormai mummificato dai carabinieri: il decesso, potrebbe risalire a sette od otto mesi fa.

La vittima, così come riporta il quotidiano Il Giorno, si chiamava Andrea Fanelli, aveva 60 anni e viveva assieme all’anziana madre in un appartamento in via Valtellina, a Fino Mornasco, in provincia di Como: l’uomo in una mansarda, la donna, affetta da gravi problemi di salute, al piano inferiore.

L’anziana madre non sarebbe mai salita al piano superiore in tutti questi mesi, sia per via dei suoi problemi di salute sia perché credeva, così come gli altri suoi conoscenti, che il 60enne fosse andato via di casa e fosse entrato in una comunità.

Andrea Fanelli, a quanto pare, aveva problemi di droga: potrebbe essere stata proprio l’assunzione di qualche sostanza stupefacente o un malore a causarne la morte. Il cadavere mummificato di Fanelli è stato scoperto solo grazie all’interessamento del figlio, residente a Milano, che preoccupato dai lunghi mesi di silenzio da parte del padre ha finalmente deciso di andarlo a trovare.

Nell’abitazione di via Valtellina ha trovato al piano terra l’anziana nonna, ignara di quanto accaduto. La mansarda al piano superiore era invece chiusa a chiave: i carabinieri, allertati dal figlio della vittima, hanno dovuto chiedere l’intervento dei vigili del fuoco per forzare la porta. All’interno della mansarda hanno poi scoperto il cadavere ormai in avanzato stato di decomposizione dell’uomo.


Gli ultimi avvistamenti e le ultime notizie di Andrea Fanelli risalirebbero allo scorso settembre. Sarebbe stato allora che l’uomo avrebbe detto di volersi ricoverare in una comunità. Da quel momento nessuno lo ha più cercato con insistenza, credendo che fosse in cura: Andrea Fanelli era invece sul suo letto, morto da mesi. Sarà adesso l’autopsia, disposta dal magistrato di turno della Procura di Como, a cercare di chiarire i contorni di una tragedia della solitudine che ricorda da vicino quanto accaduto alla signora Marinella Beretta, morta in casa a Como e trovata solo dopo due anni.