« Torna indietro

Milano

Giallo nel cuore di Napoli, muore dopo una caduta dalla finestra: tutta colpa di uno smartphone?

Pubblicato il 3 Novembre, 2022

Si sta cercando di fare chiarezza sulla morte di un 40enne ghanese pregiudicato, il cui corpo senza vita è stato ritrovato in un palazzo del centro di Napoli, al rione Sanità.

La polizia sta indagando sull’accaduto ma, con ogni probabilità, l’uomo ha provato a rubare un cellulare dalla casa di un anziano e sarebbe caduto durante il tentativo di fuga dalla finestra.

Il macabro ritrovamento del corpo e la ricostruzione dell’incidente

I residenti verso le 3:00 del mattino dello scorso 29 ottobre hanno rinvenuto il corpo riverso al suolo senza vita in vico Rosariello alle Pigne, alle spalle di piazza Cavour. Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi e sono intervenute le forze dell’ordine, ma per il 40enne ormai non c’era niente da fare.

Le ferite inoltre erano compatibili con una caduta dall’alto, quindi è molto probabile che l’uomo sia caduto dalla finestra, e durante il sopralluogo è stato trovato uno smartphone.

I poliziotti hanno individuato la finestra del secondo piano da dove con ogni probabilità è caduto l’uomo e hanno interrogato il proprietario, un 77enne, che non si era accorto di nulla ma si è poi reso conto che in realtà mancava il suo smartphone, proprio quello trovato nell’androne vicino al corpo dell’uomo deceduto.

La dinamica della vicenda appare chiara: il ladro si è introdotto dalla finestra nell’appartamento dell’uomo e ha rubato il cellulare, ma durante la fuga ha perso l’equilibrio cadendo rovinosamente a terra.

I residenti hanno dichiarato di non aver sentito alcun rumore sospetto durante il presunto furto dell’uomo.

Skip to content