« Torna indietro

Olivia Newton John

Olivia Newton John: i funerali di Stato e lo struggente messaggio del marito

Pubblicato il 11 Agosto, 2022

“Sarà più un concerto che un funerale, all’altezza di una vittoriana che ha vissuto una vita così intensa e generosa”.

Così Dan Andrews.

Il premier dello Stato del Victoria ha confermato che Olivia Newton John avrà funerali di Stato in Australia.

In un post su Twitter Andrews ha scritto che la famiglia dell’attrice e cantante morta lo scorso 8 agosto a 73 anni a causa di un cancro ha accettato l’offerta dell’Australia.

I dettagli della cerimonia non sono ancora stati resi noti.

La Newton-John nacque nel Regno Unito ma si trasferì in Australia all’età di cinque anni divenendo subito una delle celebrity più amate del Paese.

Intanto, su Instagram il marito John Easterling (la coppia si sposò nel 2008) le ha reso omaggio con un post commovente.

“Olivia, il nostro amore reciproco trascende la nostra comprensione. Ogni giorno esprimevamo la nostra gratitudine per questo amore così profondo, così reale, così naturale. Non abbiamo mai dovuto lavorarci”, scrive.

“Eravamo in soggezione di questo grande mistero e abbiamo accettato l’esperienza del nostro amore come passato, presente e per sempre. L’essenza più profonda di Olivia è stata essere una guaritrice utilizzando i suoi mezzi di canzone, di parole, di tatto”, continua.

“È stata la donna più coraggiosa che abbia mai conosciuto. La sua capacità di prendersi cura veramente delle persone, della natura e di tutte le creature quasi eclissa ciò che è umanamente possibile”.

“Solo la grazia di Dio mi ha permesso di condividere la profondità e la passione del suo essere per così tanto tempo. Nei suoi momenti più difficili ha sempre avuto lo spirito, l’umorismo e la forza di volontà di muovere le cose verso la luce. Anche ora, mentre la sua anima si alza, il dolore e i buchi nel mio cuore sono guariti dalla gioia del suo amore e dalla luce che brilla in avanti. La nostra famiglia apprezza profondamente l’immenso oceano di amore e sostegno che ci è arrivato”, conclude.