« Torna indietro

Palermo, Piano Opere Pubbliche, Chinnici e Giaconia: “Opposizione distruttiva e infantile”

“Ancora una volta, l’approvazione del piano delle opere pubbliche 2020/2022 viene usata come arma impropria da alcune componenti delle opposizioni che, uscendo dall’aula, hanno fatto saltare la seduta odierna per mancanza di numero legale.

“Ancora una volta, l’approvazione del piano delle opere pubbliche 2020/2022 viene usata come arma impropria da alcune componenti delle opposizioni che, uscendo dall’aula, hanno fatto saltare la seduta odierna per mancanza di numero legale. A nulla valgono, come fossero carta straccia, le relazioni degli uffici, del Segretario generale,dei dirigenti e degli assessori, che hanno chiarito definitivamente come la mancata approvazione ritardi, col rischio di bloccarle definitivamente, opere essenziali per la collettività, che vanno dall’asilo Galante ai Danisinni all’asilo Mimosa o all’altro intitolato a Claudio Domino, e che coinvolgono anche progetti relativi all’efficientamento dell’illuminazione pubblica.

L’approvazione del piano 20/22 è, infatti, condizione necessaria perché venga presentato in Giunta e in Consiglio il successivo piano 21/23, come si evince dall’art. 5 del D.M. 14/2018, consentendo così di sbloccare lavori già finanziati con ingenti fondi statali ed europei. L’atteggiamento distruttivo e infantile di questa parte dell’opposizione fa sì che, pensando di fare una ripicca al sindaco, si brucino centinaia di milioni di euro, in progetti e lavori fondamentali per la collettività.

Poi non ci si deve stupire se nei cittadini aumenta il disprezzo per i politicanti di professione che, col loro ostruzionismo becero, alimentano sfiducia nelle istituzioni tutte”.
Lo dichiarano i consiglieri comunali Valentina Chinnici e Massimo Giaconia di Avanti Insieme.

Valentina Chinnici
Massimo Giaconia
x