« Torna indietro

Perché Piombino resiste

Pubblicato il 27 Settembre, 2022

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Lista civica Lavoro e Ambiente.

Da maggio, da quando fu pubblicato l’art. 5 del cd dl aiuti, abbiamo capito quale immensa tegola ci stesse piovendo in testa.
Una tegola grande come un
rigassificatore di metri 300 per 43, calato dall’alto nel nostro porto in nome di una presunta emergenza energetica nazionale, senza Via e con un procedimento frettoloso, da concludersi entro 120 giorni.
Pareri obbligatori, ma non vincolanti da parte di Enti e Istituzioni.
In sostanza, si fa come ci pare.
Firmato il governo Draghi.
Per avallo, il Parlamento della Repubblica italiana, che domani ci lascerà.
Da allora Piombino è in lotta, una lotta dei cittadini con decine e decine di iniziative, con migliaia di persone in piazza, una vera e pacifica rivolta popolare contro un impianto Pericoloso, nocivo e dannoso per la nostra rinascente economia, ma non solo contro di esso.
La lotta di Piombino è per tutta Italia, perché il metodo autoritario che stanno tentando con noi è solo sperimentale.
Oggi un rigassificatore a Piombino, domani una centrale nucleare a Scarlino, tra un anno magari un gigantesco parco eolico nel mezzo delle Crete senesi.
L’intero territorio italiano nelle mani esclusivamente del Governo, chiunque sarà il Presidente del Consiglio dei Ministri, senza le garanzie che la legge ci dava fino a maggio 2022.
Ecco perché Piombino resiste e resisterà, ecco perché dal caso Piombino siamo ormai il miracolo Piombino, nonostante i poteri forti che ci fanno la guerra, nonostante che sia una lotta apartitica, sulle spalle di gente comune, di volontari, una lotta che ha impegnato giornate ed energie di coloro che non ci guadagnano nulla di personale e che tutti ringraziamo.
L’amministrazione comunale sta facendo la propria parte, con impegno e convinzione, sta difendendo il territorio e i cittadini con uno staff di tecnici di altissimo livello che hanno dimostrato scientificamente come il progetto Snam sia lacunoso e quanto sia in realtà pericoloso questo impianto.
Ma la lotta di piazza non compete ad un Sindaco né ad una Amministrazione, quella è dei cittadini, raggruppati o non in comitati o gruppi.
Ognuno fa la propria parte e neanche lontanamente pensa di mollare.
Avanti con la forza della ragione che abbiamo.

Lista civica Lavoro e Ambiente

Skip to content