« Torna indietro

Pisa

Pisa, urla agli agenti di non perquisirlo perché la “Mia religione lo vieta”: negli slip aveva 12 dosi di eroina e 4 di cocaina

Pubblicato il 5 Dicembre, 2022

Si è opposto inizialmente alla perquisizione delle forze dell’ordine, protestando animatamente e ricordando a più riprese come il contatto con un’altra persona di sesso maschile fosse contrario ai suoi principi e alla sua religione.

Nelle mutande, però, nascondeva droga pronta per lo spaccio.

Un 37enne anni di origini tunisine, pregiudicato e risultato privo di permesso di soggiorno, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

E’ stato beccato a Pisa, quando una pattuglia della polizia stava pattugliando un’area non distante dal centro per una serie di controllo di routine.

I poliziotti hanno fermato il magrebino a seguito di alcune segnalazioni dei cittadini circa una fiorente attività di spaccio nell’area di via Dini. Lo avrebbero notato perché alcuni giovani si sono avvicinati a lui, conversando per qualche minuto per poi allontanarsi rapidamente.

Gli agenti lo hanno , quindi, fermato e perquisito una prima volta: con sé, lo spacciatore aveva una dose di hashish e oltre mille euro in contanti, in banconote di piccolo taglio.

Una somma della quale non ha saputo giustificare la provenienza, tanto più che lo straniero risultava irregolare sul territorio nazionale e non aveva nemmeno un lavoro.

Così è stato condotto in Questura per nuovi accertamenti.

All’interno degli uffici della squadra volanti il trentasettenne ha dato in escandescenze perché, all‘invito degli investigatori a mostrare cosa nascondesse negli slip, ha risposto piccato che i suoi precetti morali gli impedivano di farsi vedere i glutei da altri uomini, mettendosi spalle al muro e rifiutandosi inizialmente di eseguire le richieste.

Ma a quanto pare si trattava di una messinscena: dopo un’iniziale resistenza, ha capito di non avere scampo e ha accolto la richiesta.

Pisa

E i sospetti dei poliziotti si sono rivelati del tutto fondati: dal retro delle mutande, l’africano ha estratto ben dodici dosi di eroina e quattro di cocaina. Un totale di sedici dosi, che gli avrebbero fruttato sul mercato poco meno di 500 euro.

Sarà processato per direttissima presso il tribunale di Pisa.

Skip to content