« Torna indietro

Ucciso a 17 anni da un poliziotto ubriaco: la morte sconvolgente di Davide Pavan (VIDEO)

Pubblicato il 9 Maggio, 2022

Qui, sulla strade che vedete nelle immagini, si è spento Davide Pavan. Aveva solo 17 anni e la dinamica dell’incidente lascia sgomenti.

YouTube video

Perché è stato un poliziotto a causare la sua morte. Il 28enne, in servizio alla questura di Treviso, è stato arrestato per omicidio stradale in seguito all’incidente, avvenuto poco prima delle 22 di domenica, a Paese, in cui ha perso la vita il minorenne di Morgano, piccolo Comune della Marca.

Il ragazzo, in sella al proprio scooter, è stato travolto dall’auto del poliziotto, che è stato arrestato dopo l’alcoltest, che ha evidenziato un tasso alcolico di circa 1.50: tre volte il limite di legge.

Chiara la dinamica: lo scooter è stato centrato in pieno per una manovra azzardata dell’uomo al volante, un sorpasso mal calcolato. Davide Pavan è morto sul colpo. L’agente di polizia, solo sotto choc, è stato portato in ospedale per accertamenti e poi recluso ai domiciliari.

In via Olimpia, luogo dello schianto, nel volgere di poco tempo sono arrivati anche i genitori della vittima. Hanno assistito alle manovre disperate del personale del Suem 118: un tentativo, che, purtroppo, si è rivelato inutile.

Davide Pavan, al momento dell’incidente, stava tornando a casa dopo aver riaccompagnato la propria ragazza. Studente dell’Itis Plank di Lancenigo, a scuola lo ricordano come un ragazzo attento, ordinato, semplice. Aveva una grande passione, Davide: la moto.

Davide Pavan
Davide Pavan

“Sì – conferma il sindaco di Morgano, Daniele Rostirolla – gli piaceva la moto da cross. Si esercitava nei campi”, attorno alla casa di famiglia. “I Pavan – aggiunge Rostirolla – sono una famiglia nota. Il padre ha una ditta di movimento terra. Sono qui da sempre…”. La piccola comunità di Morgano (il paese ha circa 4.400 abitanti), stretta ai genitori del ragazzo, attende la consegna della salma. Servirà tempo: vanno prima completati gli esami e gli approfondimenti sul caso disposti dalla procura di Treviso.