« Torna indietro

zannini

Primo maggio di domenica, sorpresa in busta paga. Assegno unico universale, chi ne ha diritto?

La festa del primo maggio che quest’anno cadrà di domenica porterà dei benefici ai lavoratori.

Pubblicato il 29 Aprile, 2022

La festa del 1° maggio che quest’anno cadrà di domenica avrà dei risvolti sicuramente spiacevoli per i lavoratori, ma anche altri positivi. In quest’ultimo senso i dipendenti troveranno un extra nella prossima busta paga per la festività non avuta nel 1° maggio. Andando nello specifico i giorni lavorativi di maggio diventeranno da 22 a 23 per effetto di una maggiorazione dovuta al fatto che l’1 maggio cadrà di domenica.

Questo bonus spetterà di diritto a ogni dipendente, ma varierà a seconda di quanto percepito da un lavoratore per una singola giornata di lavoro. Per chi invece presterà servizio comunque la prossima domenica verrà semplicemente una maggiorazione per il servizio prestato in una giornata domenicale, vario a seconda del contratto di lavoro stipulato.

L’assegno unico universale

Una menzione di non poco conto merita l’assegno unico universale, riconosciuto a partire dallo scorso 1 marzo a tutti i nuclei familiari con figli a carico. Esso viene erogato dal mese di marzo a quello di febbraio dell’anno successivo con un importo che varia a seconda dell’indicatore della situazione economica equivalente, il cosiddetto Isee.

Per esso si parte da un minimo di 50 euro per chi ha l’Isee superiore al 40% o per chi non presenta la dichiarazione a un massimo di 175 euro per chi ha un Isee di massimo 15mila euro. Non ci sono limiti di età in caso di figli disabili, mentre il beneficio scatta al compimento dei 21 anni del figlio. In caso di separazione l’assegno unico per i figli va solo a uno dei genitori in diversi casi: quando c’è un accordo scritto tra gli stessi genitori, quando vi è l’esercizio esclusivo della responsabilità genitoriale da parte di uno dei due, quando un provvedimento del giudice indica quale dei due genitori ha la possibilità di percepire contributi pubblici e quando vi è l’affidamento esclusivo a uno dei genitori separati.

Immagine di repertorio

x