« Torna indietro

solofra covid

C’è il vaccino, annuncia Pfizer. Forse disponibile per 1,7 milioni di italiani già da inizio anno

Pubblicato il 10 Novembre, 2020

L’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, sa già di cosa stiamo parlando e deciderà a breve. Ma l’annuncio è sensazionale: l’americana Pfizer e della tedesca BioNTech avrebbero messo a punto il primo vaccino contro il coronavirus.

Efficace al 90%, dovrebbe essere pronto entro l’anno. Entro dicembre anche i risultati dei test per altri vaccini, come quello di AstraZeneca con Oxford e della biotech americana Moderna. Le borse hanno subito reagito bene all’annuncio del presidente di Pfizer, Albert Bourla. 

La prima previsione per il via libera in commercio è per novembre, 50 milioni di dosi previste quest’anno e 1,3 miliardi il prossimo anno. Secondo le indiscrezioni di Repubblica, ci sarebbero accordi del ministero della Salute con l’azienda americana “per avviare la vaccinazione anti Covid di 1,7 milioni di italiani già a partire dalla seconda metà di gennaio 2021”. 

Il vaccino sarebbe adatto alle persone tra i 16 e gli 85 anni e ha un unico inconveniente, almeno sino ad ora: va tenuto a meno 80 gradi fino alla somministrazione. Non sappiamo ancora, a onor del vero, se il vaccino serva a impedire totalmente di contrarre il virus o limiti solo la malattia. 

Ora i risultati di Pfizer e BioNTech dovranno essere vagliati da tutti, pubblicati in ogni dettaglio su una rivista scientifica e confermati dagli scienziati. La tecnologia per produrre il vaccino è un lavoro sul Rna messaggero, un gene che iniettato va diritto alla spike del coronavirus e stimola la reazione del sistema immunitario.

Skip to content