« Torna indietro

Scambiano operaio per un ladro e lo aggrediscono: arrestate due persone nel Bolognese

L’operaio stava cercando pezzi nel cantiere assieme al suo datore di lavoro.

Pubblicato il 2 Agosto, 2022

Una storia a dir poco grottesca, ma al contempo piena di tensioni, ha avuto luogo a Castenaso, nel Bolognese, dove un operaio che stava lavorando in un cantiere edile è stato scambiato per un ladro ed è stato aggredito.

I fatti nei dettagli

I fatti sono accaduti dieci giorni fa e l’operaio era intento nel recupero degli attrezzi assieme al suo datore di lavoro. Questa mattina due uomini, un 35enne e un 37enne di origine tunisina, sono stati arrestati e dovranno adesso rispondere del reato di tentato omicidio in concorso. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, i due hanno bloccato l’operaio, un 34enne bolognese, e gli hanno legato mani e piedi a un tavolo usando un filo di ferro. In seguito hanno tentato di soffocarlo e lo hanno picchiato e preso a bastonate. Il capo del cantiere è riuscito a fuggire, mentre un residente che aveva sentito i rumori provenienti da un container di via dei Mille ha chiamato i Carabinieri. Questi ultimi quando sono giunti sul posto hanno trovato la vittima dell’aggressione priva di sensi.

Il licenziamento poco prima dell’aggressione

Ma le operazioni di ricerca dei militari non sono state certamente facili, in quanto i due aggressori dell’operaio sono stati rintracciati nella provincia di Verona e solo in seguito sono stati sottoposti a un provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Bologna. E c’è anche di più. I due infatti lavoravano all’interno del cantiere, lo conoscevano ed erano stati licenziati. All’interno del container inoltre passavano le loro notti dormendo. Adesso si trovano rinchiusi nel carcere di Verona.

Immagine di repertorio