« Torna indietro

Scomparsa di Ahmed Joudier, la terribile scoperta sul fiume Brenta

Pubblicato il 26 Aprile, 2022

Il 15enne che era scomparso dal 21 aprile è stato ritrovato dai Vigili del Fuoco nel Brenta, a Cadoneghe.

Purtroppo anche le ultime speranze di trovare in vita Ahmed sono finite. Il quindicenne che era scomparso giovedì 21 aprile da Padova è stato ritrovato senza vita questa mattina. La polizia e i Vigili del Fuoco non hanno avuto dubbi, appena ripescato è stato subito chiaro che si trattasse del giovane scomparso riconosciuto per il vestiario (lo stesso che indossava il giorno della sparizione). Pochi prima era stato ritrovato il suo telefono cellulare vicino al ponte pedonale a Cadoneghe. Non è ancora chiara la dinamica dei fatti e, al momento, gli investigatori non possono escludere alcuna pista, né quella di un gesto estremo né una morte violenta.

Gli ultimi messaggi di Ahmed

Erano già alcuni giorni che Ahmed non dava sue notizie, gli ultimi messaggi mandati alla fidanzatina contenevano frasi molto forti e preoccupanti che forse potevano far presagire la tragedia: Ho delle questioni aperte con delle persone … penso che morirò… se non muoio avrò almeno delle ferite gravi. Ti amo”.

La fidanzata che inizialmente aveva pensato ad uno scherzo ha deciso di avvisare comunque la sorella e la madre di Ahmed che subito si sono attivate nella sua ricerca purtroppo senza ricevere alcuna risposta da parte del giovane, a quel punto dopo essersi rese conto che il ragazzo non rientrava in casa hanno deciso di avvisare la polizia della sua scomparsa. “È un bravo ragazzo, frequenta l’istituto professionale Bernardi ed è un bravo studente, mio fratello è uno con la testa sulle spalle, non beve, non fuma e non frequenta brutte compagnie” ha spiegato la sorella 17enne che poi prosegue dicendo: “l’unica cosa forse un po’ strana alla quale sul momento non ho fatto caso è successa prima che uscisse di casa quella sera, mi ha abbracciato e baciato in fronte cosa per lui inusuale e ha detto a me e alla mamma vi voglio bene”.

Si attende adesso l’autopsia da parte del medico legale che dovrà stabilire la causa della morte del giovane Ahmed.