« Torna indietro

Selvazzano, apre la mostra fotografica: “Hotel Charlì, storie di periferia” di Fabrizio Caron e Giulietta Luise

Pubblicato il 30 Agosto, 2022

PALAZZO EUGENIO MAESTRI Selvazzano Dentro Padova

3 Settembre – 17 settembre 2022

30.8.2022 – Giovedi 8 settembre alle ore 18.30 presso Palazzo Maestri – Sala De Zanche, grazie al patrocinio del Comune di Selvazzano (Padova), sarà inaugurata la mostra fotografica Hotel Charlì, storie di periferia”, di Fabrizio Caron e Giulietta Luise. La Mostra è inserita nella rassegna di Eventi Culturali “Estate Sotto le Stelle 2022” A.R.S. 2022 Paesaggi culturali ai piedi dei Colli Euganei, tra boschi, ville, parchi, acque salutifere” del network di cultura e spettacoli “RetEventi Cultura”. La mostra rimarrà aperta al pubblico con ingresso libero con i seguenti orari: lunedì e giovedì 14.30 – 19.00, martedì e mercoledì 9.00-13.00/14.30-19.00 – venerdì e sabato 9.00- 13.00.

Ci sono luoghi che raccontano storie e queste storie diventano parte integrante di questi luoghi”.

Il progetto fotografico prende spunto da questa riflessione e dall’incontro, avvenuto una mattina di ottobre del 2021, tra gli autori dei 30 scatti in esposizione e il gestore di uno storico Hotel che si trova in un luogo molto particolare; la laguna sud tra Padova e Venezia dove la terra incontra il mare.

Un incontro casuale, anche se come raccontano gli autori “nulla avviene mai per caso”. Fabrizio Caron e Giulietta Luise, fotografi impegnati da anni su tematiche sociali con al loro attivo diverse esposizioni e partecipazioni ad eventi fotografici, raccolgono un lungo racconto pieno di aneddoti , curiosità e soprattutto storie di vita.

Il vecchio Hotel, il cui vero nome rimarrà segreto, cesserà a breve la sua attività ma la sua storia continuerà a vivere come “Charlì” grazie al lavoro dei 2 autori.

Giovedì 8 settembre alle ore 18.30 avverrà l’inaugurazione in presenza degli autori che saranno lieti di interagire con le persone presenti.

Saranno inoltre presenti come ospiti con un loro intervento, il Sociologo Filiberto Tartaglia, e Loredana Borgato Di Ali di Vita.

Skip to content