« Torna indietro

Sparatoria nel Salento. Furgone e portoni di casa colpiti ieri sera a Matino

Dopo un paio di episodi che nei mesi scorsi hanno riguardato il capoluogo salentino, ancora una sparatoria nel Salento. Questa volta il teatro della follia è stato Matino, paesino dell’entroterra salentino che nella giornata di oggi sta festeggiando (si fa per dire visto la zona rossa e i divieti sparsi in tutta Italia) San Giorgio, il proprio Santo protettore. E, i colpi di pistola che si sono sentiti nella tarda serata di ieri, sono stati scambiati, almeno inizialmente, proprio per botti scoppiati in onore del proprio Patrono. Intorno alle 21 di ieri sera, infatti, alcuni residenti sono stati svegliati da alcuni colpi di pistola che hanno risuonato in tutto il paese.

Sparatoria nel Salento, la dinamica dell’accaduto

L’ennesima sparatoria nel Salento è cominciata così ed ora si cercano i responsabili del gesto, anche per risalire al movente. Ad essere colpiti dalla follia degli spari sono stati, anche se fortunatamente in modo indiretto, le famiglie di due pensionati residenti in via Pastrengo, una zona residenziale e abbastanza centrale del paese, che si sono visti recapitare alcuni colpi di pistola contro il portone della propria abitazione. Come se non bastasse, però, due delle nove pistolettate esplose hanno raggiunto anche un furgoncino Doblò, di proprietà di un 70enne incensurato del posto, nonché proprietario di una delle due case colpite dagli spari. Sul posto si sono recati i carabinieri della stazione locale che hanno delimitato l’area colpita dalla sparatoria nel Salento. Solo le indagini potranno chiarire l’accaduto, inizialmente scambiato semplicemente per fuochi in onore del Santo Patrono.

x