« Torna indietro

Ucraina

Ucraina: a Mariupol i cortili diventano cimiteri (VIDEO)

Pubblicato il 20 Giugno, 2022

Dove giocavano i bambini adesso riposano i morti. Dove le famiglie si godevano una passeggiata adesso si sciolgono le lacrime. Ci sono luoghi del mondo che non saranno più come prima, per sempre stravolti. Uno di questi è Mariupol, dove i cortili della case diventano cimiteri…

Il video documenta l’orrore della quotidianità violata dall’aggressione russa. La città ucraina simbolo della brutalità dell’invasione decisa da Putin che non ha risparmiato vittime innocenti è quella che piange il più alto numero di civili uccisi. E lo scenario è quel che vedete: non soltanto le fosse comuni e i corpi trovati accatastati negli edifici bombardati o dove sono stati gettati come rifiuti. Anche gli spiazzi antistati i condomini sono utilizzati per cercare di dare quella degna sepoltura negata a molti.

Intanto, gli aggiornamenti più reecenti raccontano di due civili uccisi e 12 feriti nelle ultime 24 ore durante un attacco missilistico dell’esercito russo nella regione di Donetsk, ha annunciato il capo dell’amministrazione militare regionale Pavlo Kyrylenko, citato da Unian. Kyrylenko ha aggiunto che le truppe nemiche nel distretto stanno cercando di stabilire il pieno controllo sul villaggio di Bogorodichne e creare le condizioni per lo sviluppo dell’offensiva su Slovyansk.

Attacchi aerei russi su Hirske, Vrubivka e Lysychansk, mentre continuano i combattimenti a Severodonetsk.

Il ministero della Difesa britannica spiega il limitato successo dell’avanzata russa con la limitata capacità dell’aviazione di Mosca a “fornire costantemente potenza aerea”. L’Ucraina ha sferrato un attacco contro gli impianti di trivellazione della società di gas Chernomorneftegaz, con sede in Crimea, ferendo tre lavoratori. Lo ha scritto lunedì sul suo canale Telegram il capo della Crimea Sergey Aksyonov, come riportano le agenzie russe. “Sono in contatto con i colleghi del ministero della Difesa e dell’Fsb (Servizio di Sicurezza Federale) da questa mattina e stiamo lavorando per salvare le persone. Sulle piattaforme di trivellazione c’erano 12 persone, cinque delle quali sono state salvate e tre sono rimaste ferite. Le ricerche degli altri continuano”, ha dichiarato Aksyonov.

“Dopo un allarme lanciato verso le 14”, ora locale, “a Odessa sono stati segnalati attacchi missilistici”. Lo scrive Ukrainska Pravda, citando il deputato Oleksiy Honcharenko su Telegram, che ha lanciato un appello a ripararsi “nei rifugi antiaerei”. Il Kyiv Independent segnala “esplosioni” nella città ucraina, citando un portavoce dell’amministrazione regionale.

“L’Ucraina ha bisogno di aiuto: rifornimenti, alimenti, armi ed equipaggiamenti moderni”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky intervenendo in videocollegamento al Global Policy Forum dell’Ispi a Milano.

“Ciò che vogliamo è la fine della guerra e che la nostra terra non appartenga a nessun altro. Stiamo proteggendo i nostri obiettivi e valori comuni con l’Europa. Per noi questo è un fattore unificante e credo che sia per questo che abbiamo ricevuto lo status di candidato. L’Ue deve solo considerarci un partner alla pari, Per favore, sosteneteci”, ha detto facendo riferimento a una domanda dell’ex premier Mario Monti sul voto di domani in Parlamento. “Ciò che vogliamo è la fine della guerra e che la nostra terra non appartenga a nessun altro. Stiamo proteggendo i nostri obiettivi e valori comuni con l’Europa. Per noi questo è un fattore unificante e credo che sia per questo che abbiamo ricevuto lo status di candidato. L’Ue deve solo considerarci un partner alla pari”.