« Torna indietro

Pubblicato il 26 Gennaio, 2022

“La crescita del tasso di incidenza sta rallentando in tutte le fasce d’età tranne che nei bambini sotto gli 11 anni per i quali risulta in aumento. Nell’ultima settimana nei bambini tra 5 e 11 anni, per i quali è disponibile un vaccino sicuro ed efficace, sono state registrate circa 400 ospedalizzazioni sulle 834 complessive che hanno riguardato la popolazione 0-19 anni”. Queste le dichiarazioni di Annamaria Staiano, presidente Sip – Società Italiana di Pediatria, di fronte alla veloce e incessante crescita dei contagi in questa fascia di età.

Anche in provincia di Ragusa, come nel resto d’Italia, la situazione è delicata. Tanti sono i lettori che ci scrivono per avere maggiori delucidazioni sulla questione del vaccino ai più piccoli che hanno contratto il Covid. Cosa succede, ad esempio, se un bambino risulta positivo subito dopo aver effettuato la prima dose? E dopo quanto tempo può vaccinarsi? Occorre il richiamo?

Per rispondere a queste domande, in modo chiaro e dettagliato, la Società Italiana di Pediatria (SIP) ha stilato un vademecum i diversi scenari riguardanti i bambini che contraggono il virus e devono effettuare il vaccino anti-Covid.

Scenario 1 – La prima situazione è quella classica, relativa allo schema vaccinale completo: tra la prima e la seconda dose devono passare 21 o 28 giorni, a seconda che ci si vaccini con Pfizer o Moderna. La dose di richiamo (booster) può essere fatta dopo 4 mesi (ma solo per gli over 12). Va sempre tenuta presente la regola generale che per i bambini sotto i 12 anni al momento non è prevista la dose di richiamo (“booster”).

Scenario  2 – E se un ragazzo ha avuto il Covid? La prima dose va fatta dopo il terzo mese e non oltre il dodicesimo,  poi dopo 4 mesi (solo per gli over 12) si fa il richiamo. Se, invece, sono trascorsi più di 12 mesi dall’infezione allora si segue lo schema vaccinale classico: prima dose, seconda dopo 21 o 28 giorni e richiamo (solo per over 12) dopo 4 mesi.

Scenario 3 – Se l’infezione viene contratta dopo aver effettuato la prima dose di vaccino, le possibilità sono due: se si risulta positivi entro il tredicesimo giorno dall’inoculazione allora la seconda dose viene fatta entro 6 mesi dall’infezione e la dose di richiamo, per gli over 12, può essere fatta dopo 4 mesi. Il secondo caso è quello in cui si risulti positivi al virus dopo 14 giorni dalla prima dose (e prima della seconda): in tal caso  la dose di richiamo, sempre per gli over 12, viene fatta dopo 4 mesi. Mentre per un under 12 che ha avuto una dose di vaccino e poi è stato positivo, non serve seconda dose né richiamo.

Scenario 4 L’ultimo scenario è quello in cui si contrae il virus dopo aver effettuato entrambe le dosi di vaccino ma prima di effettuare il richiamo. In questo caso il booster, sempre per quanto riguarda i soggetti di età superiore ai 12 anni, viene fatto dopo 4 mesi.