« Torna indietro

vaiolo delle scimmie

Vaiolo delle scimmie: il virus che potrebbe scatenare una nuova pandemia

Pubblicato il 16 Maggio, 2022

Dal 7 maggio, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha annunciato tre casi di vaiolo delle scimmie, due dei quali hanno richiesto cure ospedaliere. Da allora se ne parla costantemente, è una delle notizie principali con tanto di approfondimenti. Un alone sempre più evidente di allarme, che sta travalicando i confini. Ecco perché…

Il vaiolo delle scimmie è causato da un virus che è un parente del vaiolo. Così ome suggerisce il nome, è stato identificato per la prima volta nelle scimmie ed è principalmente limitato all’Africa occidentale e centrale .

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha annunciato che qualcuno aveva contratto il vaiolo delle scimmie dopo un recente viaggio in Nigeria. Il soggetto ha sviluppato un’eruzione cutanea il 29 aprile ed è tornato nel Regno Unito il 4 maggio, quando è stato ricoverato in ospedale. Due giorni dopo, un test di laboratorio ha confermato che aveva il virus del vaiolo delle scimmie. Il tracciamento dei contatti si è iniziato l’11 maggio, senza che fino ad oggi nessun contatto abbia riportato sintomi di vaiolo delle scimmie.

Una settimana dopo, l’UKHSA ha annunciato che ad altre due persone conviventi, non legate al caso annunciato il 7 maggio, era stato diagnosticato il virus del vaiolo delle scimmie: uno necessita di cure ospedaliere, l’altro di quarantena.

Monkeypox, così come è chiamato il virus, è stato segnalato per la prima volta nel Regno Unito nel 2018. Da allora sono stati identificati sette casi, tutti relativi a viaggi da o verso la Nigeria.

I SINTOMI

Il vaiolo delle scimmie è generalmente lieve, con la maggior parte delle persone che guarisce senza trattamento entro 14-21 giorni. I sintomi iniziali possono includere febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi ed esaurimento.

vaiolo delle scimmie

Può svilupparsi un’eruzione cutanea simile alla varicella, che spesso inizia sul viso, prima di diffondersi, in particolare alle mani e ai piedi. L’eruzione cutanea attraversa diverse fasi , sviluppandosi in papule e pustole piene di liquido, prima di formare una crosta che cade.

I RISCHI

Il vaiolo delle scimmie è generalmente lieve, tuttavia ha un tasso di mortalità riportato compreso tra l’1% e il 10% , con i bambini che hanno maggiori probabilità di morire.

IL CONTAGIO

Il vaiolo delle scimmie può essere contratto da animali selvatici infetti in alcune parti dell’Africa occidentale e centrale. Ciò può verificarsi se si è morsi o se si hanno contatti col sangue, i liquidi, le macchie, le vesciche o le croste dell’animale. Il vaiolo delle scimmie può anche essere trasmesso mangiando la carne poco cotta di un animale infetto.

Il virus non si trasmette molto facilmente tra le persone, tuttavia, la trasmissione può avvenire tramite il contatto con fluidi corporei, vesciche o croste, o avvicinandosi abbastanza per respirare grandi goccioline nell’aria. Queste goccioline generalmente non possono viaggiare per più di 1 metro circa, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Anche toccare i vestiti, le lenzuola o gli asciugamani usati da qualcuno con il vaiolo delle scimmie può essere un rischio.

Parlando degli ultimi due casi, Colin Brown dell’UKHSA ha dichiarato: “Mentre le indagini sono in corso per determinare la fonte dell’infezione, è importante sottolineare che il vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente tra le persone e richiede uno stretto contatto personale con un persona sintomatica infetta. Il rischio complessivo per il pubblico in generale rimane molto basso”.

PERCHE’ L’ALLERTA?

Qualsiasi malattia che circola negli animali e può essere trasmessa alle persone può potenzialmente causare una nuova pandemia, se muta per diventare più mortale o più facilmente trasmissibile. Monkeypox non ha un trattamento specifico né un vaccino specifico autorizzato per l’uso.

Tuttavia, il vaccino contro il vaiolo conferisce immunità al vaiolo delle scimmie e può essere usato come trattamento se somministrato subito dopo l’esposizione.