« Torna indietro

Scopre la fidanzata con un altro e la accoltella: 40enne piantonato in ospedale, lei è gravissima

L’uomo si era trasferito da poco in Toscana con la fidanzata ed erano entrambi artisti di strada.

Pubblicato il 16 Maggio, 2022

Un nuovo caso di gelosia da parte di un uomo nei confronti di una donna che sfocia in un atto di violenza dalle conseguenze gravissime. E’ accaduto ieri sera (15 maggio) a Cutigliano, in provincia di Pistoia, e il protagonista è un uomo di 40 anni originario di Firenze che ha trovato la propria fidanzata con un altro uomo e per questo motivo l’ha accoltellata.

Le ferite alla fidanzata

L’uomo, adesso piantonato all’ospedale di Prato è in stato di fermo per il reato di tentato omicidio, era un artista di strada trasferitosi da poco in Toscana assieme alla fidanzata, artista di strada anche lei. Una volta rientrato a casa ha trovato la fidanzata assieme a un altro uomo, un 50enne della zona, con il quale lei aveva una relazione parallela. Così il 40enne è corso subito in cucina, ha preso un coltello e ha colpito la donna all’addome.

La colluttazione con il rivale

Ma la sua furia non si è fermata certo qui perché dopo la fidanzata il suo obiettivo è stato quello di colpire anche il “rivale”, questa volta con un piccolo attrezzo da giardinaggio. Il risultato è stato però solo quello di una ferita alla testa, perché la seconda vittima è riuscita a liberarsi in tempo difendendosi con un attizzatoio e in seguito anche disarmando il 40enne e chiamando così i soccorsi dopo essere scappato.

L’intervento di Carabinieri e 118

I Carabinieri sono subito intervenuti sul posto assieme ai sanitari del 118 e hanno trovato la fidanzata senza sensi e riversa a terra in una pozza di sangue. Questo ha reso necessario un intervento chirurgico per la donna, che adesso si trova all’ospedale di Prato in gravissime condizioni. Nello stesso nosocomio si trova anche il 40enne, in quanto dopo la colluttazione con il rivale ha subito anch’egli delle ferite, ma le sue condizioni sono meno preoccupanti e attende di essere dismesso dalla struttura sanitaria per essere trasferito in carcere. Il 50enne invece è stato soltanto medicato e subito dimesso con un prognosi di una settimana.

L’amaro commento del primo cittadino

Il sindaco di Cutigliano, Marcello Danti, ha intanto commentato così quanto accaduto: “Una cosa mai successa prima, i protagonisti di questa storia non sono persone note nella comunità cutiglianese e non ne fanno parte. Io sono sconvolto come lo è il paese, è una brutta storia che non ha nulla a che vedere con quella della nostra comunità. Spero possa risolversi senza ulteriori danni alle persone, per quanto attiene alla dinamica sarà cura delle autorità preposte, fare piena luce sui fatti”.

Foto: immagine di repertorio