« Torna indietro

Vertice centrosinistra, spunta ipotesi Riccardi. Ma Renzi lo stoppa

nrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza accompagnati dai capigruppo del Pd, del M5S e di Leu cercano di trovare la quadra su un possibile candidato alla Presidenza della Repubblica.

Pubblicato il 23 Gennaio, 2022

Lo Stato maggiore del centrosinistra si è riunito questa mattina alle 10,30 alla Camera per un vertice sul Quirinale: Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza accompagnati dai capigruppo del Pd, del M5S e di Leu cercano di trovare la quadra su un possibile candidato alla Presidenza della Repubblica.

Letta oggi incontrerà anche ha Matteo Renzi, mentre fonti Dem spiegano che vedrà Matteo Salvini appena possibile, così come gli altri leader del centrodestra. 

Salvini, da parte sua, oggi ha incontrerà i capigruppo Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo e successivamente i governatori e i delegati regionali della Lega.

Riunioni nel pomeriggio

Tenere insieme Quirinale e governo, è questa la scommessa di Enrico Letta condivisa da Giuseppe Conte, che solo garantendo il prosieguo della legislatura può tenere uniti i suoi gruppi parlamentari.

Così su twitter il segretario del Pd scrive:  “Affrontiamo questo difficile passaggio coi nostri alleati. Coi quali a partire da oggi, dopo la fine della candidatura di Berlusconi che aveva bloccato fino a ieri tutto, concorderemo nomi e proposte”,

Matteo Salvini nelle prossime ore proporrà alcuni nomi di area centrodestra. Irricevibili, per il Pd: “Non consentiremo l’assalto al Quirinale”.

“La prima votazione per l’elezione del successore di Mattarella, prevista domani, non porterà alcun esito” dice Matteo Renzi a Mezz’ora in più, durante la trasmissione condotta da Lucia Annunziata. Secco il suo no al nome che era circolato già da ieri. Andrea Riccardi. “E’ una persona straordinaria, gli voglio bene, ha fatto benissimo il ministro, ma credo che non abbia nessuna possibilità di essere eletto“.

È “molto probabile” che il centrosinistra vada verso la scheda bianca alla prima votazione, affermano fonti di centrosinistra al termine del vertice alla Camera. La decisione sarà presa domani mattina. 

“Il Movimento 5 stelle ha un unico obiettivo e lo perseguirà fino alla fine – dice Giuseppe Conte – ha 235 voti di grandi elettori che mette a disposizione degli interessi degli italiani per un presidente autorevole”.

“Sono ottimista e lo sono ancor di più quando lavoro nell’interesse del Paese”, dice Conte parlando con i cronisti al termine del vertice alla Camera di centrosinistra. “Non abbiamo parlato di nomi”, risponde a chi gli chiede dell’ipotesi Pier Ferdinando Casini. Salvini vi ha presentato la sua rosa di nomi? “Non abbiamo ancora parlato di nomi neanche con lui”, risponde. E’ caduto il veto M5s sul nome di Mario Draghi? “Noi facciamo proposte, non poniamo veti”.

x