« Torna indietro

Il video shock dell’insegnante sadica, rabbia sul web: “I bambini sono sacri”

Pubblicato il 19 Maggio, 2022

Le immagini sono sconvolgenti. Stanno circolando sui social e sono già state denunciate alle autorità competenti da vari organi di stampa. Anche Amnesty International starebbe indagando per raccogliere maggiori informazioni da inserire nella denuncia.

YouTube video

Così come scrive Ateo Breaking, “Sui social sta circolando un video, dove un sadico insegnante dell’Uzbekistan prende in giro i bambini venuti per imparare a cantare”. 

“Gli utenti sono sconvolti da questo metodo di insegnamento e si chiede a gran voce che si intervenga”, si legge ancora.

“Mi chiedo se ci sarà una sorta di spiegazione da qualcuno che dovrebbe proteggere i bambini? Dato che al governo e ai funzionari piace molto parlare molto e magnificamente della protezione dei bambini, delle generazioni future, dell’istruzione – scrive blogger uzbeko Fridaymark – Io ritengo che ci sia ancora un enorme divario tra parole e azioni. Forse il problema sta nell’incapacità di mantenere un sistema efficace e nell’assenza di una gestione competente – da qui l’incapacità di mettere in atto quei bellissimi slogan che proteggiamo i bambini, l’educazione è importante per noi, che saremo al passo con i tempi. Perché alla fine quello che ottieni è quello che ottieni. Anche le leggi devono funzionare e proteggere i bambini in una situazione del genere. Ebbene, evidentemente non siamo così avanzati come diciamo. Perché era la norma nel Medioevo (e il modo di pensare e la visione del mondo di una parte abbastanza ampia della nostra società, a quanto pare, è qualcosa del genere), e tutto questo è abbastanza scioccante per le persone del 21° secolo. Ma questa è la nostra realtà”.

” La società è sotto shock. Rafforziamoci! Iniziamo a bullizzare i bambini! I bambini sono sacri.
Non è noto se questo video sia reale o una messa in scena, ma il fatto che i bambini siano coinvolti in questo è inaccettabile. Se questo video è reale, allora è un crimine. Una psiche spezzata, incredulità che gli adulti possano proteggerti: dopotutto i tuoi genitori ti mandano lì, quindi l’insegnante ha il diritto di fare di te quello che vuole, e tu devi sopportare e sottometterti”, scrive un altro blogger uzbeko, Pulatov.

“Se il video viene è una messa in scena, anche questo è un crimine. Dopotutto, i bambini lo percepiscono non solo come un gioco, ma come qualcosa che è possibile e accettabile. Quindi puoi prendere in giro i tuoi coetanei o i tuoi figli da grande. Dignità umana, rispetto: diventano frasi vuote. E ciò che è ancora più terribile è la formazione dell’indifferenza di massa. Da Internet viene riversata così tanta violenza su di noi che semplicemente diventiamo incapaci di empatizzare. Un altro gatto morto, cane, asino… Marito ha accoltellato la moglie e la suocera nuora… 10 studenti si sono impiccati quest’anno nella regione… I bambini sono materiali di consumo che possono essere sperimentati, derisi, usati per i propri scopi, deriso e reso complice del bullismo… Sì, schiocchiamo la lingua e capiamo che questo è sbagliato, ma non ci basta più di più, e di conseguenza diventiamo quella stessa massa senz’anima, obbedendo alla volontà di chi comanda. Questo può e deve essere fermato. Noi, come persone, possiamo farlo a livello quotidiano, per non ignorare il dolore e l’umiliazione di qualcun altro. Ma è necessario che tutte le strutture ufficiali con le loro capacità e potenzialità siano attente a tali fatti e non lasciate impunite: il difensore civico dei bambini, le forze dell’ordine, l’UNICEF e altri che sono chiamati a proteggere i nostri bambini”, conclude.