« Torna indietro

impiccato

foto IPP/picture alliance 18-09-2016 nella foto prigione, carcere, cella di sicurezza, detenzione, penitenziario, sbarre, carceriere, guardia, agente polizia penitenziaria WARNING AVAILABLE ONLY FOR ITALIAN MARKET

Visita Fp Cgil nelle carceri di Catania: “Mancano trentacinque poliziotti penitenziari”

I vertici del sindacato hanno fatto visita nei due istituti per adulti e in quello per minorenni di Catania.

Pubblicato il 4 Ottobre, 2022

Proseguono le visite sui luoghi di lavoro della Fp Cgil Polizia Penitenziaria che oggi ha visitato l’Istituto per minorenni di Catania e i due istituti per adulti cittadini e cioè Bicocca e piazza Lanza. Nel carcere minorile etneo, considerata un’eccellenza in Italia per il trattamento dei giovani reclusi, il coordinatore regionale Alfio Giurato ha potuto riscontrare un clima migliore rispetto ai mesi precedenti dove il personale riesce a lavorare in buone condizioni e con un migliore spirito di collaborazione con la direzione e il comandante”.

“Anche nel carcere per adulti di Catania Bicocca – ha dichiarato Concetta La Rosa, segretaria generale della Fp Cgil Catania – abbiamo registrato i problemi comuni a tutti gli istituti d’Italia per adulti, seppure mitigati da una buona presenza di personale di Polizia Penitenziaria che riesce a gestire al meglio l’Istituto”.

Diverso il giudizio del sindacato a proposito del carcere di piazza Lanza. “Su ventitrè ispettori previsti, ne sono presenti in organico solo sette e per il ruolo di sovrintendenti la carenza d’organico è ancora più accentuata”. A riferirlo è il coordinatore nazionale Fp Cgil, Mirko Manna: “In queste condizioni, riuscire a gestire un carcere è pura follia. Il personale dei ruoli ‘agenti’ e ‘assistenti’ devono sobbarcarsi di responsabilità e di sovraccarico di lavoro ingiustificabili. In servizio, nel carcere di Catania èiazza Lanza, mancano trentacinque poliziotti penitenziari. Chiediamo da subito al nuovo Governo che si sta per insediare, una verifica delle carenze d’organico nella polizia penitenziaria e un piano di assunzioni immediato”.

Skip to content