« Torna indietro

voragine

Un’enorme voragine si apre in Cile, un mistero senza spiegazioni: cos’è successo?

Pubblicato il 3 Agosto, 2022

Una misteriosa voragine di dimensioni enormi si è aperta nella provincia di Copiapo, in Cile. Come dimostrano le immagini scattate dai droni, lo scenario è terrificante ma per certi versi addirittura affascinante: il buco è perfettamente rotondo e si è creato dal nulla nel sito di Alcaparrosa, dove si trova la miniera di rame “Ojos del Salad”.

Quali possono essere le cause della voragine?

Anche se non sono note le cause della formazione della misteriosa voragine, questo fenomeno non è del tutto sconosciuto ed è noto col nome “sinkhole” o dolina.

L’azienda canadese Lundin Mining, che ha in gestione la miniera, ha fatto sapere tramite un comunicato che la voragine non ha creato danni a operai, attrezzature e infrastrutture presenti.

Non ha però chiarito se la formazione di questo enorme buco, con un diametro di 25 metri e una profondità di 200 metri, sia collegata con i lavori attualmente in corso nella miniera.

Il sinkhole, avvistato per la prima volta il 30 luglio, al momento è stabile e non ha provocato ulteriori crolli. La Lunding Mining ha comunque fermato momentaneamente tutte le attività di estrazione, rassicurando che comunque la sospensione dei lavori non avrà alcun impatto sul programma di produzione annuale del sito.

Una squadra di specialisti per indagare sul misterioso evento

Il Sernageomin, Servizio nazionale di geologia ed estrazione mineraria del Cile, ha inviato una squadra di specialisti per monitorare la situazione e risalire alle cause che hanno provocato il crollo.

David Montenegro, direttore dell’ente, ha spiegato che in fondo alla voragine per il momento è stata trovata solo acqua, ma nessuna traccia di minerali: “Non abbiamo rilevato alcun materiale laggiù, ma abbiamo visto la presenza di molta acqua”.

Si sta cercando di capire quali sono le cause di questo misterioso buco ma gli esperti, intervistati dai media locali, hanno manifestato una grande preoccupazione per questo evento e hanno chiesto agli enti statali di chiarire se ci sono eventuali collegamenti con l’attività di estrazione mineraria.