« Torna indietro

Wanda Nara

Wanda Nara chiede giustizia e attacca Fabrizio Corona

Pubblicato il 27 Aprile, 2022

Wanda Nara attacca Fabrizio Corona in aula. La moglie e procuratrice di Mauro Icardi ha testimoniato come parte civile nel processo milanese per diffamazione a carico dell’ex “re dei paparazzi”.

Wanda Nara testimonia in Tribunale a Milano nel processo per diffamazione. Le era stata attribuita una relazione (fasulla) con Brozovic, compagno di squadra di Icardi nell’Inter.
Wanda Nara abbraccia Icardi. A destra Brozovic

Diffamazione per un pezzo del febbraio del 2019 sul suo sito “The King Corona Magazine” intitolato “Mauro Icardi divorzia da sua moglie – Wanda Nara ha tradito il suo compagno con Marcelo Brozovic”.

Da quell’articolo “che riportava tutte cose non vere sono cominciati i problemi e Mauro poi ha dovuto cambiare squadra, l’Inter gli aveva fatto pesare anche questa situazione, gli era stato detto che doveva anche cambiare procuratore, che non doveva avere più una procuratrice donna”, ha raccontato Wanda Nara.

L’uscita di quell’articolo, ha spiegato Nara, ex showgirl argentina, davanti al giudice Elisabetta Canevini della quarta penale, ha creato “sofferenze e patimenti in famiglia, anche perché io ho 5 figli che andavano a scuola qua a Milano in quel periodo. E da quel momento iniziò anche il distacco grande tra Icardi, i tifosi, il club e dirigenti.

“Noi siamo una famiglia tradizionale e questa storia ci ha portato problemi dentro la famiglia e fuori dalla famiglia». E ha voluto sottolineare che è “ancora la procuratrice di mio marito, anche se non è facile essere una procuratrice donna”, ha aggiunto.

Lasciando l’aula Nara ha detto ai cronisti che da questo processo si attende “giustizia” e che per lei e Icardi “Milano è la nostra casa”.

Nella prossima udienza del 25 maggio saranno sentiti Brozovic, anche lui parte civile assistito dall’avvocato Danilo Buongiorno, Icardi, parte civile come Nara e sempre col legale Giuseppe Di Carlo, e pure Ivan Perisic, anche lui centrocampista dell’Inter e testimone.