« Torna indietro

L'ospedale di Latina

Bimba di pochi mesi lasciata in auto sotto il sole cocente e ricoverata. Era positiva alla cocaina.

Due mesi di vita e la positività alla cocaina. L’incredibile scoperta è stata fatta dai sanitari dell’Ospedale di Latina (Santa Maria Goretti), dove la bambina era stata ricoverata qualche giorno fa.

Pubblicato il 1 Agosto, 2022

Due mesi di vita e la positività alla cocaina. L’incredibile scoperta è stata fatta dai sanitari dell’Ospedale di Latina (Santa Maria Goretti), dove la bimba era stata ricoverata qualche giorno fa.

Accertatasi del fatto la dottoressa Donatella Formisano, del Tribunale per i minorenni di Roma, ha sospeso la patria potestà ai genitori, affidando la piccola ad un tutore in attesa dell’affidamento ad un’altra famiglia. Restano comunque buone le condizioni di salute della bambina, la quale resterà ancora qualche giorno in ospedale.

La neonata è stata inconsapevole protagonista di una storia se possibile ancora più assurda. La vicenda si è svolta all’esterno di un bar di Borgo Montello. La neonata, rimasta chiusa in macchina per circa un’ora e mezza con i finestrini chiusi e senza aria condizionata, ha visto i propri genitori discutere, incuranti della piccola.

I due adulti sono un uomo, un 38enne della provincia di Latina con qualche precedente per droga, e una donna, anche lei 38enne, originaria dei Castelli Romani, con qualche precedente penale.

Il litigio tra i due è iniziato tra i tavolini del bar. Una litigata furiosa, con insulti ed anche spinte. I due allontanatisi si dirigono verso l’auto, sistemano la piccola, salgono ma la discussione procede. Quindi scendono, chiudono l’auto, e continuano a discutere, mentre la bambina resta nel veicolo sotto la canicola di questi giorni.

Qualche passante che ha assistito alla scena, si rende conto di cosa accade. La piccola, in quel ‘forno’ nel quale ormai si è trasformata l’auto, piange. Vengono allertati il 118 e i carabinieri.

La bimba viene soccorsa e portata d’urgenza al pronto soccorso dell’Ospedale di Latina in codice rosso, accompagnata dal padre. La madre, invece, sale in auto e fa perdere le sue tracce. I militari la ritrovano poco dopo. Dalle testimonianze, tutte concordi, si comprende come la piccola sia rimasta in auto per più di mezz’ora con un caldo asfissiante.

L’accusa, per i genitori, è di abbandono di minore.