« Torna indietro

Petardi e striscione offensivo allo stadio, scattano due Daspo per ultras del Lecce

Pubblicato il 2 Aprile, 2022

Dopo quelli inflitti a tre ultras dopo Frosinone-Lecce, ancora due Daspo per altrettanti tifosi giallorossi. A seguito dei fatti accaduti in occasione dell’incontro di calcio Lecce-Cittadella, del 23 febbraio scorso, e del match Lecce-Ascoli, del 2 marzo scorso, infatti, gli agenti della Digos della Questura di Lecce, nella giornata di ieri, hanno notificato la misura di prevenzione del Daspo ad un 50enne ed un 25enne della provincia di Lecce. Il primo, M.A., è stato riconosciuto quale responsabile dell’esposizione di un drappo recante la scritta in grande “A.C.A.B.” da un lato dall’altro riportante la scritta “1312” (corrispondenti alle lettere dell’alfabeto dello stesso acronimo).

Daspo a due ultras giallorossi, il motivo

Il secondo, C.F., invece, si è reso responsabile dell’accensione e successivo lancio di almeno due petardi che sono esplosi in prossimità della pista di atletica che circonda il terreno di gioco. Queste misure di prevenzione sono state emesse in quanto tali comportamenti sono pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica. Per il primo la durata del Daspo è di un anno, mentre, per il secondo, di due anni.