« Torna indietro

Il Catania va in svantaggio contro la Sancataldese, ma Somma sistema tutto: al Valentino Mazzola termina 1-1

Terzo pareggio consecutivo in trasferta per il Catania che reagisce dopo un inizio di gara difficilissimo e in un primo tempo arroventato.

Pubblicato il 4 Dicembre, 2022

Al Valentino Mazzola di San Cataldo il Catania passa per la prima volta in svantaggio con un gol di Zerbo, ma reagisce con Somma per un primo tempo rovente e porta a casa un altro punto che consente di allungare ancora le distanze su Lamezia Terme e Vibonese, sconfitte rispettivamente da Locri e Real Aversa. Finale tesissimo tra le due squadre e un po’ di amarezza tra i rossazzurri per la terza trasferta consecutiva senza vittoria.

Ferraro si affida al solito 4-3-3 con il rientrante Somma in difesa e il trio d’attacco formato da Sarao, Sarno e Forchignone. Infantino, tecnico dei catallini, schiera un robusto 3-4-2-1 con i trequartisti Baglione e Tuccio a sostegno di Zerbo terminale offensivo.

PRIMO TEMPO

La partita comincia con un minuto di silenzio per vittime di Casamicciola e poi con qualche ritardo per un malore di un tifoso rossazzurro. Dopo poco più di un minuto dal fischio d’inizio Tuccio viene fermato dalla difesa rossazzurra e scoppia un piccola rissa dopo che Castellini rimane a terra dopo un contrasto con Tourè.

I primi minuti fanno notare che il clima tra i giocatori sarà caldissimo e i padroni di casa provano a fare la partita. Al 7′ arriva il vantaggio dei padroni di casa: Xepapadakis ruba palla a Rapisarda e serve Zerbo che sferra un gran tiro che non lascia scampo a Bethers. 1-0.

I rossazzurri provano a reagire e Sarao viene fermato in area all’11’. In seguito Vitale ci prova da fuori area, ma il pallone termina fuori. Sull’altro fronte Tuccio mette il pallone in area, ma Bethers blocca senza problemi. Al 14′ Calabrese rimane a terra dopo uno scontro ed entrano i sanitari. Il gioco riprende dopo tre minuti. Al 18′ Dolenti blocca senza problemi un calcio di punizione.

La reazione dei rossazzurri, in svantaggio per la prima volta in campionato, pare sterile, ma al 22′ arriva il pareggio: Rapisarda colpisce la traversa dopo un calcio d’angolo di Lodi, Lorenzini colpisce il palo e Somma tira trovando la respinta di Dolenti quando però il pallone aveva già superato la linea. 1-1. Gol convalidato dopo segnalazione del guardialinee.

Al 25′ la difesa rossazzurra si salva con Rapisarda, che in area anticipa Tuccio pronto a battere a rete. Il gol sembra trasformare gli ospiti, che a centrocampo gestiscono meglio la palla. Al 28′ Xepapadakis viene fermato in fuorigioco. Due minuti dopo sfuma un’azione dopo un calcio d’angolo battuto da Lodi per il Catania.

Al 35′ lo stesso terzino greco dei padroni di casa spreca malamente dopo un assist di un compagno. I minuti successivi sembrano vedere un calo dei ritmi, ma al 37′ avviene una nuova rissa dopo un contrasto tra Forchignone e Maltese, che coinvolge Giovinco in panchina e un membro dello staff tecnico rossazzurro. Ne fanno le spese proprio Maltese e Giovinco, che vengono ammoniti. Nel secondo minuto di recupero nuova zuffa sulla fascia destra dei padroni di casa, con Infantino che protesta con il direttore di gara per diverbi con Sarao e che viene espulso. Sull’azione seguente i padroni di casa protestano per un contatto in area tra Lorenzini e Zerbo giudicato regolare dall’arbitro, che dopo oltre 5 minuti manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di uno a uno.

SECONDO TEMPO

A inizio secondo tempo Vitale si vede respingere una girata in corner. Sugli sviluppi di quest’ultimo non succede nulla. Al 51′ Sarno commette fallo di mano dopo uno stop di petto. Tre minuti più tardi Sarao commette fallo a centrocampo su Calabrese e viene ammonito.

I padroni di casa provano a sfruttare le fasce, ma senza impensierire veramente i rossazzurri. Al 61′ Dolenti blocca senza problemi un lancio in area. Due minuti più tardi lo stesso portiere dei padroni di casa si ripete su un lancio di Giovinco. I rossazzurri provano gli inserimenti in area, ma la difesa casalinga fa buona guardia e al 65′ Vitale viene fermato in area.

Al 69′ sull’altro fronte Zerbo spara fuori un calcio di punizione dalla trequarti. Al 72′ i rossazzurri commettono fallo in attacco sugli sviluppi di un corner. Al 75′ Garzia tenta la girata, ma è debole e Bethers blocca il pallone. Nel minuto successivo Zerbo rimane a terra dopo un contrasto con Lorenzini, ma si rialza. All’81’ Rapisarda schiaccia di testa dopo un cross di Castellini, ma il pallone termina sulla parte alta dell’esterno della rete.

All’85’ Dolenti anticipa Chiarella con una presa alta. All’88’ sull’altro fronte è Maltese a provarci di testa e a mettere il pallone fuori di pochissimo. Nel primo minuto di recupero è Chiarella a mettere fuori e nel minuto successivo Dolenti blocca su un’azione partita da una rimessa laterale. Al quarto minuto di recupero Guadagno viene fermato in offside, l’arbitro fischia la fine del match e tra Sancataldese e Catania termina 1-1.

IL TABELLINO

Sancataldese (3-4-2-1): Dolenti; Maltese, Calabrese, Xepapadakis; Garzia, Giacinti, Tourè, Brumat; Baglione, Tuccio; Zerbo. Allenatore Piero Infantino

Catania (4-3-3): Bethers; Rapisarda, Somma, Lorenzini, Castellini; Rizzo, Lodi, Vitale; Sarno, Sarao, Forchignone. Allenatore Giovanni Ferraro

Marcatori: 7′ Zerbo (SC), 22′ Somma (C)

Espulsi: 45′ 1′ Infantino (SC)

Ammoniti: 18′ Giacinti (SC), 26′ Calabrese (SC), 32′ Lorenzini (C), 39′ Maltese (SC) e Giovinco (C), 54′ Sarao (C)

Sostituzioni Sancataldese: 41′ Xepapadakis/Oppizzi, 50′ Brumat/D’Agosto, 53′ Tourè/Incatasciato, 86′ Zerbo/Leonardi, 89′ Tuccio/Guadagno

Sostituzioni Catania: 50′ Lodi/Palermo, 55′ Sarno/Giovinco e Forchignone/Chiarella, 62′ Sarao/Jefferson,

Recupero: 5′ 1T, 5′ 2T

Arbitro: Carlo Esposito di Napoli

Skip to content