« Torna indietro

Iniziativa sindacale della Cisl di Napoli nella giornata mondiale per la sicurezza sul lavoro con l'esposizione su un marciapiede di 27 caschi gialli, lo stesso numero di morti sul lavoro registato nella provincia partenopea nel 2017, 27 aprile 2018. ANSA / CIRO FUSCO

Altro incidente sul posto di lavoro. Cade dal cestello mentre pota pini, operaio con codice rosso al Fazzi

Pubblicato il 19 Maggio, 2022

A circa dieci giorni dall’ultimo episodio, ancora un altro incidente sul posto di lavoro nel Salento. Continua senza sosta l’escalation di infortuni sul lavoro che, in una maniera o nell’altra, denotano la scarsa sicurezza ed i pericoli a cui vengono esposti gran parte degli operai nel nostro territorio, ma in generale in tutto il Paese. L’ultima vicenda è avvenuta questa mattina all’interno del giardino di una villetta situata in agro a Galugnano, frazione di San Donato di Lecce, esattamente lungo la strada provinciale 140 che conduce a Caprarica di Lecce. Ed è proprio all’interno di questa villetta che un operaio di 42 anni stava effettuando alcuni lavori insieme ai suoi colleghi di una ditta di giardinaggio di Veglie.

Incidente sul posto di lavoro, indagini di Spesal e Carabinieri

A.L., queste le iniziali del malcapitato operaio, 42enne di Leverano, è stato lo sfortunato protagonista dell’ennesimo incidente sul posto di lavoro. L’uomo, per cause ancora tutte da verificare, intento a potare pini da un carrello elevatore issato ad un’altezza di circa tre metri, è precipitato e si è schiantato al suolo. I presenti hanno assistito alla scena, sono intervenuti in suo soccorso ed hanno allertato i sanitari del 118, Quest’ultimi, accorsi sul posti, hanno prestato le prime cure mediche del caso al 42enne e poi lo hanno trasportato, con codice rosso e d’urgenza, all’Ospedale Vito Fazzi di Lecce. L’uomo avrebbe riportato diverse fratture e traumi, ma per i medici non sarebbe in pericolo di vita. Sul luogo dell’ennesimo incidente sul posto di lavoro sono intervenuti i carabinieri del Norm. della Compagnia di Lecce e gli ispettori dello Spesal. Entrambi hanno effettuato i rilievi del caso ed hanno aperto un’indagine per capire che, sul posto, fossero state applicate tutte le norme e le misure in materia di sicurezza sul posto di lavoro.