« Torna indietro

Juventus

Cambio di strategia della Juventus, addio alla Superlega. Una mossa per ottenere lo “sconto” anche in Europa?

Pubblicato il 6 Giugno, 2023

Il finale di campionato è stato decisamente convulso per la Juventus, ma principalmente per quello che succedeva al di fuori del campo da gioco piuttosto che nel rettangolo verde. La Juventus e la Procura Figc infatti hanno accettato di patteggiare, quindi il club bianconero se l’è cavato con una multa pecuniaria di 718.240 euro e 10 punti di penalizzazione, che è costata comunque l’esclusione dalla Champions League, situazione che determinerà un mancato introito che peserà sulle casse della Vecchia Signora.

Stralciata invece la posizione dell’ex presidente bianconero Andrea Agnelli, che non ha voluto sottoscrivere la rinuncia al ricorso per le plusvalenze e quindi andrà a processo il 15 giugno, mentre tutti gli altri dirigenti coinvolti hanno deciso di patteggiare.

L’addio della Juventus alla Superlega: già avvisati Barcellona e Real Madrid

Le novità però non sono finite qui, poiché a quanto pare la Juventus avrebbe inviato una lettera a Real Madrid e Barcellona per comunicare la sua uscita dalla Superlega.

L’indiscrezione è stata rilasciata dal quotidiano Marca, vicino al club delle merengues, che ha sottolineato che proprio la Juventus era stato uno dei primi club a promuovere il progetto.

In quel periodo però a capo della Juve c’era Agnelli, che ha deciso di dimettersi con tutto il CDA, quindi lo scenario al momento è completamente cambiato.

La Juventus vorrebbe fare pace con l’Uefa, che potrebbe escludere il club bianconero dalle coppe europee e quindi impedirgli di partecipare alla Conference League.

Sono ancora in corso le indagini dell’Uefa legate all’inchiesta Prisma e questo passo indietro della Vecchia Signora potrebbe essere interpretato come un gesto di buona volontà per fare pace.

Ecco quindi che l’Uefa, in cambio dell’addio della Juve alla Superlega, potrebbe chiudere un occhio sull’inchiesta Prisma e ammettere il club bianconero alle competizioni europee dell’anno prossimo.

Skip to content