« Torna indietro

Monte Bianco

Monte Bianco: per scalarlo bisognerà pagare cauzione di migliaia di euro

Pubblicato il 3 Agosto, 2022

Decine di “pseudo alpinisti” ignorano la raccomandazione di non scalare il Monte Bianco lungo la via normale francese dal rifugio del Gouter a causa delle importanti cadute di pietre legate alla siccità.

Così Jean-Marc Peillex.

Il sindaco di Saint-Gervais, comune francese su cui si trova l’itinerario di salita, ha stabilito che chi vorrà scalare la vetta dovrà versare una cauzione da 15 mila euro, di cui 10 mila euro pari “al costo medio dei soccorsi” e 5 mila euro per “le spese di sepoltura della vittima”.

“E’ inaccettabile – scrive – che sia il contribuente francese a pagare questi costi”.

Tre settimane fa il primo cittadino francese aveva dichiarato che “stanno verificando importanti cadute di pietre lungo la via normale francese al Monte Bianco, di giorno e di notte”.

Il disagio riguardava, in particolare, il tratto nei pressi del rifugio di Gouter. Per questo le autorità d’oltralpe raccomandavano agli alpinisti, intenzionati a compiere l’ascesa, di “differirla temporaneamente“.

“Pericolo di morte” aveva scritto in un post Jean-Marc Peillex. Le guide alpine francesi di Saint-Gervais-les-Bains e di Chamonix-Mont-Blanc avevano provveduto a sospendere l’ascensione lungo quell’itinerario: è un tratto particolare perché è considerato meno impegnativo rispetto alle altre vie di salita e, per questo, è più frequentato.

Secondo gli esperti, le precipitazioni di pietre sono state dovute alla siccità: “A causa delle condizioni climatiche eccezionali e della siccità, si stanno verificando importanti cadute di pietre. Le precipitazioni riguardano in particolare gli orari più frequentati, ovvero la mattina presto” aveva scritto in una nota la prefettura dell’Alta Savoia insieme con il Comune di Saint-Gervais-les-Bains.

“La decisione di sospendere le scalate va accolta con favore” avevano concluso. Una misura precauzionale da rispettare, specialmente in seguito ai tragici avvenimenti che hanno recentemente interessato la Marmolada, dove un ampio seracco di ghiaccio si è staccato, provocando la tragedia che ha sconvolto l’Italia.