« Torna indietro

Nuova Zelanda, violenza sessuale nei confronti di una 12enne: uomo si difende dicendo che era consenziente

Il caso riguardante questo episodio di violenza sessuale ha riaperto un dibattito in Nuova Zelanda.

Pubblicato il 6 Agosto, 2022

Un nuovo caso di violenza sessuale che però si è concluso con la “vittoria” del carnefice viene dalla Nuova Zelanda, dove un uomo, Tulisi Leiataua, è stato accusato di aver stuprato una bambina di 8 anni e un’altra di 12.

I fatti contestati

Davanti al processo l’autore della violenza sessuale con 33 capi di accusa si è però difeso dicendo la 12enne era consenziente al momento del rapporto fra loro due. La sua difesa si è quindi concentrata su tutto questo in quanto la legge in Nuova Zelanda lo permetterebbe, malgrado l’età in cui viene fissato il consenso sessuale è quella di 16 anni. Nel paese di lingua britannica infatti è presente un comma di legge che consente a chi è accusato del reato di stupro di potersi difendere facendo appello al fatto che le vittime, nonostante siano minorenni, siano al contempo consenzienti.

L’indignazione degli attivisti

Per tutte queste ragioni la vicenda relativa a questo caso di violenza sessuale nei confronti della 12enne ha scosso l’opinione pubblica in Nuova Zelanda e ha rimesso in discussione alcune nuove leggi che non offrirebbero alcuna tutela nei confronti dei minori. Tutto questo ha portato anche alla reazione di alcuni attivisti che si stanno battendo allo scopo di rivedere la legge e tutelare quindi i minori in un modo migliore. L’uomo è stato comunque dichiarato colpevole alla fine del processo che lo vedeva imputato.