« Torna indietro

Russia

“Russia Stato sponsor del terrorismo”: il Parlamento Europeo approva la risoluzione

Pubblicato il 23 Novembre, 2022

Il Parlamento europeo approva la risoluzione per riconoscere la la Russia come “Stato sponsor del terrorismo”. 

La risoluzione, adottata con 494 voti favorevoli, 58 contrari e 44 astensioni, sottolinea che gli attacchi e le atrocità intenzionali delle forze russe, la distruzione delle infrastrutture civili, e altre gravi violazioni del diritto internazionale e umanitario sono atti di terrore e crimini di guerra.

Il testo è passato a larga maggioranza dopo il sì ad alcuni emendamenti alla risoluzione.

Nel testo il Parlamento invita l’Ue a creare un quadro giuridico adeguato per riconoscere gli stati indicati come sponsor del terrorismo istituendo quindi misure nei confronti di Mosca che comportino serie restrizioni nelle relazioni dell’Ue con la Russia. 

I deputati invitano inoltre il Consiglio ad aggiungere anche l’organizzazione paramilitare “gruppo Wagner” e il 141esimo Reggimento speciale motorizzato noto anche come “Kadyroviti” nell’elenco dei soggetti terroristici dell’Ue”.

Data l’escalation di atti di terrore del Cremlino contro il popolo ucraino, i Paesi Ue sono esortati a ultimare rapidamente il lavoro del Consiglio sul nono pacchetto di sanzioni contro Mosca.

Inoltre, i Paesi Ue dovrebbero prevenire, indagare e perseguire qualsiasi tentativo di aggirare le sanzioni in vigore e, insieme alla Commissione, prendere in considerazione eventuali misure contro i paesi che cercano di aiutare la Russia ad eludere le misure.

Sono quattro, gli italiani che, all’Eurocamera, hanno votato contro la risoluzione che definisce la Russia Stato sponsor del terrorismo. Tra questi tre militano nei Socialisti & Democratici. Nei tabulati risulta che hanno votato contro l’indipendente Francesca Donato e i 3 di S&D Pietro Bartolo, Andrea Cozzolino e Massimiliano Smeriglio. Astenuta l’intera delegazione del M5S.

Se i partiti che in Italia sono all’opposizione hanno votato divisi, compatta è stata la posizione delle tre forze di maggioranza al governo: gli eurodeputati di Fdi, Lega e Forza Italia hanno tutti votato a favore della risoluzione che dichiara la Russia Stato che sponsorizza il terrorismo.

Il voto a favore, sul quale sono circolati dubbi e perplessità fino a questa mattina, alla fine è arrivato unanime dai tre partiti, che nella Plenaria siedono rispettivamente nei Conservatori e Rifomisti, nel gruppo Id e nel Ppe.

Nel gruppo dei Socialisti, a eccezione dei tre eurodeputati in dissenso, tutti gli eletti nel Pd hanno votato a favore della risoluzione, come anche i due eurodeputati di Italia Viva Sandro Gozi e Nicola Danti. Il gruppo Renew, del resto, non ha registrato nessun voto contrario e un solo astenuto. Tra i contrari spicca per numero il gruppo sovranista di Id: a votare “no” sono stati gli eurodeputati lepenisti e i tedeschi di Afd.

“Oggi il Parlamento Europeo è chiamato nuovamente ad esprimersi sull’aggressione russa all’Ucraina. I Socialisti e Democratici hanno presentato una loro risoluzione e non hanno sottoscritto quella dei gruppi del centrodestra poiché è stato proposto un testo che in alcuni passaggi mette a rischio le attuali indagini sui crimini di guerra di Putin. Abbiamo perciò presentato emendamenti che voteremo per correggere questi passaggi a nostro avviso sbagliati. In ogni caso, come Socialisti e Democratici europei voteremo a favore della risoluzione perché nessuno possa strumentalizzare da qualunque lato la nostra linea, che è saldamente a sostegno del popolo ucraino oggi sotto le bombe di Putin”: è quanto spiega la delegazione Pd all’Eurocamera.

“Ci rivolgiamo con convinzione a tutti i gruppi politici e alla Presidente Metsola affinché il Parlamento Europeo discuta e prenda una posizione netta a favore di un’iniziativa unitaria dell’Unione Europea per perseguire una pace giusta per l’Ucraina”, concludono.

“In Ucraina è il momento di alzare i toni della pace. La risoluzione che verrà messa ai voti oggi porta invece all’opposta direzione. La nostra solidarietà al popolo ucraino è totale e consideriamo la Russia come l’unica responsabile della guerra in corso sul suolo ucraino. Il suo esercito si è inoltre macchiato di crimini atroci, tuttavia dopo più di nove mesi di aperte ostilità che non hanno risparmiato le popolazioni civili bisogna mettere a tacere le armi e far prevalere le diplomazie”, ha sottolineato la delegazione M5S all’Eurocamera spiegando che non avrebbe la risoluzione che definisce la Russia uno Stato terrorista.

“Non è più il momento del muro contro muro. Il grande assente del testo della risoluzione del Parlamento europeo è la parola pace e per questa ragione, pur condividendo i paragrafi di sostegno all’Ucraina, non possiamo sostenerla. Il nostro voto sarà di astensione. Putin ha colpevolmente violato il diritto internazionale, ma va condotto ogni sforzo per arrivare a un negoziato fra le parti e mettere fine a questa orribile guerra. Proviamoci”, ha  spiegato la delegazione dei pentastellati a Strasburgo.

Skip to content