« Torna indietro

Francesco Zamponi il nuovo comandante provinciale dell’Arma di Prato : “Droga e furti i principali reati”

Francesco Zamponi il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Prato, ieri mattina si è presentato alla stampa e alla città ringraziando il suo precedessore il colonnello Grandini per il buon lavoro svolto sul territorio.

Per il comandante Zamponi i grandi mali della città di Prato sono la droga e i furti, reati a cui ha intenzione di dedicare particolare attenzione.
Tra i suoi obiettivi più importanti quello di essere vicino alla popolazione , conoscere i problemi della gente specialmente adesso che i cittadini stanno affrontando il virus che tanto spaventa e rende più fragili.

Il nuovo comandante è nato nel 1973 , figlio di un maresciallo, fin da piccolo ha capito cosa significa portare la divisa dei carabinieri.
Zamponi si è arruolato nel 1992 frequentando l’Accademia Militare di Modena nel biennio 1992 /1994 e la Scuola Ufficiali Carabinieri dal 1994 al 1997. Ha conseguito le Lauree in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” in Roma, in Scienze Politiche e la Specialistica in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna.
Abilitato all’esercizio della professione di Avvocato e Consigliere Giuridico delle Forze Armate, ha ottenuto i Master di Il livello in “Sistemi Logistici Complessi” presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università “La Sapienza” in Roma, di I livello in “Comunicazione nella Pubblica Amministrazione” e “Diritto Internazionale Umanitario”.
Grandi capacità intellettuali quindi ma anche uomo d’azione che ha ricoperto incarichi di grande importanza presso lo Stato maggiore della Difesa, prima al reparto Informazioni e sicurezza, poi all’ufficio Affari giuridici.

Nei prossimi giorni sono previsti incontri con le altre forze di polizia e con il sindaco Biffoni perchè per Zamponi il cordinamento delle divise sulla base della propria competenza è fondamentale per il raggiungimento del bene comune.








Edizioni