« Torna indietro

tanta paura tra i bagnanti

tanta paura tra i bagnanti

Volo di 25 metri e auto quasi in mare. Tanta paura tra i bagnanti

Alla fine si è concluso tutto solo con tanta paura tra i bagnanti, una mattinata strana in cui, le conseguenze di un atto imprudente, potevano davvero essere ben peggiori e pericolose. Non molto distante da Torre Vado, infatti, proprio dove qualche settimana fa una tromba d’aria mise tanta paura tra i bagnanti e provocò qualche ferito, si è verificato stamattina un episodio alquanto singolare. In una mattinata di mare con pochi visitatori, un’auto è finita, dopo uno spaventoso volo di 25 metri, ad incagliarsi sugli scogli, rischiando seriamente di colpire e ferire qualche bagnante. L’episodio è avvenuto a Mancaversa, marina di Taviano, e ha riguardato una Opel Astra, noleggiata per queste vacanze estive da una turista straniera. La macchina, che era parcheggiata su una piazzola di sosta in una strada in discesa, è piombata sulla spiaggia dopo il volo di 25 metri ed è finita sugli scogli. Ovviamente, la paura della gente presente in spiaggia che ha assistito a tutta la scena è stata davvero indescrivibile.

Tanta paura tra i bagnanti, alcuni si sono scansati per evitare il peggio

Il volo di 25 metri è stato davvero pericoloso e, nonostante la tanta paura tra i bagnanti, qualcuno si è dovuto anche scansare per evitare il peggio. Sul posto per recuperare la vettura sono intervenuti i carabinieri insieme ai vigili del fuoco di Lecce e Gallipoli. I pompieri, utilizzando una gru, hanno imbracato l’auto mettendola in sicurezza. Ovviamente, le domande dei militari hanno subito incalzato la signora, per cercare di capire come è potuto succedere che una macchina parcheggiata facesse un volo del genere. La turista ha riferito ai vigili del fuoco di aver azionato regolarmente il freno a mano mentre scaricava dalla vettura alcune valigie. Nonostante questo, sempre secondo il racconto della signora, l’auto ha cominciato a muoversi da sola finendo in spiaggia senza che lei potesse farci nulla. Ora, il resoconto della signora sarà attentamente valutato dai carabinieri per cercare di capire come siano andati davvero i fatti.

x