« Torna indietro

Ue: Con “Tipico d’Abruzzo”, Regione selezionata a Bruxelles

Il progetto di comunicazione “Tipico d’Abruzzo, la mia storia favorita”, ideato e prodotto dal dipartimento della presidenza della Regione Abruzzo, è stato selezionato tra oltre 500 proposte provenienti dalle regioni europee, per partecipare al Euregionsweek 2020, la settimana europea delle regioni e delle città, il più importante evento annuale dedicato alla politica regionale in programma dal 5 al 22 ottobre. Il progetto è inserito nel programma di eventi della sezione Coesione e Cooperazione, che quest’anno, a causa delle restrizioni e delle misure anti Covid-19, sarà in formato digitale. “Tipico d’Abruzzo, la mia storia favorita” è uno storytelling originale e coinvolgente che racconta il territorio attraverso alcuni dei suoi prodotti più rappresentativi, come il parrozzo e lo zafferano, evidenziando gli aspetti di una tradizione peculiare e il legame con l’ambiente. Nel video viene dedicata un’attenzione particolare anche ai piatti, come il brodetto e le Virtù, che fanno della tecnica del riutilizzo la propria specificità. Un racconto per immagini che mostra come prodotti a chilometri ed emissioni zero, in linea con l’esigenza di sostenibilità ambientale, tra i cardini della programmazione europea, concorrono a costituire l’identità di una regione. I prodotti della buona tavola sono stati anche l’occasione per raccontare la storia e il legame culturale con il territorio. Ma l’Abruzzo non è solo cultura ed enogastronomia, ma anche laboratorio di soluzioni moderne e innovative nel campo dell’energia. Soluzioni che saranno illustrate nel workshop, in programma il 19 ottobre in modalità remota dal titolo “Le soluzioni delle regioni per un’Europa più verde”. Obiettivo del seminario è presentare iniziative provenienti da diverse regioni e città europee, relativamente alla decarbonizzazione del settore energetico, per promuovere forme più pulite e sostenibili di trasporto pubblico, così da poter arrivare alla cosiddetta neutralità climatica nel 2050.

Edizioni