« Torna indietro

Fuori centro Racconti urbani: lo spettacolo dal vivo scende in strada

Lo spettacolo dal vivo scende in strada, stazionando nei cortili dei condomini e nelle piazze della periferia. Da venerdì 16 luglio a domenica 8 agosto torna “Fuori centro Racconti urbani”, rassegna itinerante di circo contemporaneo, musica e teatro, che nella scorsa primavera, nonostante il Covid-19, è riuscita persino a realizzare azioni laboratoriali e residenziali nei quartieri della città, coinvolgendo piccole comunità e stimolando la partecipazione attiva dei cittadini a percorsi culturali continuativi. Dopo questo percorso formativo, prende adesso il via la seconda fase del progetto che prevede il lancio di un calendario di spettacoli di compagnie professionistiche che allieteranno i pomeriggi e le serate del pubblico residente nei quartieri 2, 3, 4 e 5 del Comune di Firenze. Fuori centro Racconti urbani è un progetto di Aria network culturale, Fa.R.M., Giocolieri e Dintorni, col patrocinio di Comune di Firenze e Q2, Q3, Q4 e Q5. È realizzato con il contributo di fondazione Cr Firenze nell’ambito di “Partecipazione culturale” – bando tematico che la Fondazione dedica al sostegno di programmazioni culturali finalizzate a potenziare la partecipazione attiva della comunità̀ locale e l’inclusione sociale delle periferie – e Casa Spa. “È un progetto che sosteniamo per il secondo anno consecutivo e che si sviluppa in vari stadi e gradi – ha detto l’assessore alla Casa Benedetta Albanese – coinvolgendo anche i cittadini più piccoli. L’obiettivo è portare creatività, stimoli e nuovi spazi di vivibilità anche nelle aree periferiche della città. ‘Fuori centro Racconti urbani’ ha offerto l’occasione di coniugare la vivibilità delle strade, delle piazze e dei cortili dei condomini Erp, con la cultura per creare colore, divertimento, partecipazione e nuovi spazi di socialità e nuove opportunità. È una forma di attenzione alle periferie e di migliore vivibilità degli spazi della città per i nostri cittadini”. E ancora: “In questo progetto c’è stata una bella e proficua collaborazione anche con le ludoteche e alcuni Centri dell’età libera – ha sottolineato l’assessore a Educazione e Welfare Sara Funaro – La pandemia ha generato tante problematiche, sia a livello sanitario sia economico, ma quella più grossa, che troppo spesso viene sottovalutata, è la ‘ricaduta’ psicologica ed emotiva dell’emergenza su giovani, anziani e cittadini più fragili, che hanno pagato il prezzo più caro per il Covid. I ragazzi, ma anche gli adulti, hanno bisogno di luoghi di socializzazione e di ricominciare a vivere la normalità e iniziative come questa ridanno alla nostra comunità una linfa vitale importante”.. Ad ospitare il primo appuntamento della rassegna sarà il quartiere 4, con una ballata in ricordo di Jonathan Trollmann, il pugile sinti che, con la sua determinazione, sfidò la follia del Terzo Reich e l’assurdità delle leggi razziali. Una storia appassionante e crudele, in tournee dalla stagione 2019 in tutti i teatri d’Italia, resa ancora più straordinaria dalle musiche eseguite dal vivo di Gianluca Dessì. L’appuntamento con questo spettacolo, intitolato “Der Boxer” e prodotto da Teatro Tabasco, è all’Arena centrale di Villa Vogel il 16 luglio alle ore 21.

x