« Torna indietro

Controlli anticovid, chiusa un’altra attività nel Salento. Giovani ammassati a ballare

Continuano i controlli anticovid a tappeto nel territorio salentino da parte delle forze dell’ordine per cercare di limitare gli assembramenti e punire il mancato rispetto delle norme anticontagio stabilite dal governo centrale. Dopo le chiusure e le multe somministrate, sempre per le medesime ragioni, nei giorni scorsi nel Salento, questa volta le sanzioni sono scattate per un locale di Nardò. Non solo, nell’ambito dei controlli effettuati dai carabinieri della Stazione di Gallipoli, sono arrivate anche cinque denunce per guida in stato d’ebbrezza, una denuncia per evasione e un’altra per spaccio di sostanze stupefacenti. A Nardò, come detto, è stato sanzionato per violazione delle norme, dopo i controlli anticovid, un bar del posto, per il mancato rispetto del previsto distanziamento, sia all’interno che all’esterno del locale. I militari, appena giunti sul posto, hanno riscontrato la presenza di centinaia di giovani avventori tutti assembrati e senza mascherina, intenti a consumare bevande alcoliche e a ballare. Il titolare è stato sanzionato, oltre che con la consueta multa pecuniaria, con la chiusura per cinque giorni.

Controlli anticovid e del territorio, scattano altre denunce

Oltre ai controlli anticovid, i militari di Gallipoli si sono concentrati anche su altre operazioni. A Galatina, per esempio, un conducente d’auto è stato denunciato in stato di libertà per detenzione illegale ai fini spaccio di sostanza stupefacente. Fermato a bordo di un’auto, l’uomo aveva addosso un contenitore in plastica contenente 3 involucri in cellophane con tre grammi ciascuno di marijuana e 150 euro in contanti. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Sono stati segnalati alla prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti, inoltre, due soggetti trovati in possesso di marijuana. Ancora a Nardò, inoltre, è stato denunciato in stato di libertà per evasione, un uomo attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari sempre nello stesso comune neretino. Nonostante il permesso di assentarsi, infatti, l’uomo si era allontanato dal proprio domicilio per motivi differenti rispetto a quelle previste dall’Autorità Giudiziaria. Sono stati denunciati in stato di libertà, infine, cinque conducenti d’auto per guida in stato di ebbrezza alcolica. 

x