« Torna indietro

Biciclettata

Boicottato il “Val di Zena bike day”, migliaia di puntine da disegno lungo l’ultimo chilometro: “Atto criminale”

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco di Bologna Matteo Lepore, che ha sottolineato la gravità del gesto che poteva avere conseguenze peggiori.

Pubblicato il 20 Giugno, 2022

La biciclettata “Val di Zena bike day“, che si è tenuta a Pianoro in provincia di Bologna e che ha visto la partecipazione di oltre 700 persone, è stata boicottata da un atto criminale: migliaia di puntine da disegno sono state piazzate lungo l’ultimo chilometro del percorso. Le gomme delle biciclette di una cinquantina di ciclisti si sono bucate ma, grazie all’intervento della Polizia Stradale, l’evento è stato portato ugualmente a termine.

Un atto grave che ha suscitato l’ira e l’indignazione delle istituzioni di Pianoro, dalla consigliera Simona Larghetti al sindaco Franca Filippini fino all’assessore Luca Melega, i quali hanno annunciato denuncia contro ignoti.

“Un atto di vandalismo che poteva avere conseguenze molto più gravi”

Simona Larghetti, consigliera metropolitana delegata a Mobilità ciclistica e Bicipolitana, il sindaco di Pianoro Franca Filippini e Luca Melega, assessore di San Lazzaro, hanno espresso parole di profonda indignazione per questo atto vandalico: “La grande partecipazione di intere famiglie, nonostante il rinvio per maltempo, è la conferma che attendevamo che eventi di questo tipo sono importanti nella strategia di promozione del territorio”.

La loro attenzione si rivolge poi verso gli autori del gesto, che hanno messo a serio rischio l’incolumità dei partecipanti, tra i quali anche tanti bambini: “Purtroppo l’atto di vandalismo compiuto da ignoti poco prima dell’arrivo ha rischiato di rovinare l’impegno di centinaia di persone. Siamo preoccupate che qualcuno abbia sottovaluto la gravità del gesto e di quello che poteva succedere ai partecipanti compresi i bambini, in seguito alla foratura”.

Una vicenda che non si chiuderà qui, dal momento che è stata presentata regolare denuncia contro ignoti: “Abbiamo denunciato alle autorità giudiziarie l’accaduto – proseguono i tre vertici istituzionali – perché pensiamo che non sia tollerabile minacciare con atti così pericolosi l’incolumità dei cittadini e delle cittadine che hanno partecipato a un momento di festa sul territorio.

Le polemiche intorno alla manifestazione create anche dalle opposizioni politiche nel Comune di Pianoro e in Città metropolitana purtroppo hanno creato un clima che pensiamo possa aver favorito l’iniziativa criminale di questi vandali. Non arretreremo di un passo e perseguiremo i responsabili in tutte le sedi giudiziarie”.

Le parole del sindaco di Bologna Matteo Lepore: “Un episodio da non sottovalutare, complimenti agli organizzatori”

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, che pur non sottovalutando la gravità dell’episodio ci ha tenuto a fare i complimenti agli organizzatori per aver saputo affrontare con lucidità questo imprevisto: “Condanno il tentativo di sabotaggio da parte di persone che hanno anche messo in pericolo i partecipanti. Non sottovalutiamo l’episodio e per questo lo abbiamo denunciato alle autorità competenti. Mi congratulo con i Comuni che insieme a noi hanno promosso la manifestazione e con tutte le associazioni aderenti, e ringrazio  i volontari e le Polizie locali dei Comuni e della Città metropolitana”.