« Torna indietro

Frascati

Frascati, il parroco chiude i campi di calcetto e basket: “Troppe bestemmie”

Pubblicato il 21 Settembre, 2022

Parolacce e perfino bestemmie nel campetto dell’oratorio, reti strappate e rifiuti lasciati a terra. Sono stati questi motivi a spingere don Franz Vicentini, parroco di San Giuseppe a Cocciano (popoloso quartiere alla periferia di Frascati), a limitare l’accesso ai campi di calcetto e basket che stanno proprio sopra alla chiesa e adiacenti agli uffici parrocchiali.

Terminate le attività estive, che hanno avuto ottimi riscontri sul territorio, qualche genitore ha lamentato di vedere chiusa l’area ludica del comprensorio parrocchiale e la risposta di don Vicentini (che tra l’altro è anche parroco della vicina chiesa del Santissimo Sacramento, segno di una grande stima e fiducia da parte del vescovo Raffaello Martinelli) è stata chiara.

“Avevamo risistemato tutta la zona in vista delle attività estive e subito dopo, invece, siamo tornati a vedere reti strappate o rifiuti di ogni tipo. Inoltre, nel corso di molte partite tra questi ragazzi, il livello di maleducazione verbale è altissimo con parolacce e bestemmie. In passato è accaduto che qualcuno si sia lamentato per il fatto che, in orario di chiusura, qualche ragazzo abbia addirittura scavalcato il cancello rischiando di farsi male pur di entrare a giocare, ma come può essere vista questa come una nostra responsabilità? Gli orari autunnali e invernali del nostro campetto prevedono l’apertura su richiesta tra le 16 e le 19,30 e continuerà ad essere così, ma bisogna avere riguardo del luogo dove ci si trova. Sarebbe bello che qualche adulto della nostra vasta comunità parrocchiale si mettesse a disposizione della diocesi per verificare il rispetto delle più elementari regole civili durante la concessione di questi spazi”.  

I ragazzi che vorranno sfruttare il campetto parrocchiale dovranno passare negli uffici per fare richiesta di accesso e soprattutto dovranno comportarsi in modo civile. “Ho sentito dire che don Franz chiude i campetti dell’oratorio – dice ancora il parroco – Questo è quanto di più lontano dalla mia volontà e dai miei progetti, visto che lo ritengo un luogo fondamentale per fare comunità tra i giovani”.

Don Vicentini, che al momento si trova fuori regione per motivi personali, aggiunge che “al mio rientro cercherò di organizzare una riunione con le famiglie della parrocchia per cercare un punto d’incontro”. 

La questione è finita su uno dei principali gruppi social di Frascati e la presa di posizione forte del sacerdote della chiesa di Cocciano è stata appoggiata da tantissimi cittadini: “Conosco don Franz da 25 anni – scrive Sandro – Ovunque sia stato ha sempre coinvolto la comunità e si è operato per la sua coesione. Criticare è sempre semplice, comprendere e valutare oggettivamente lo è molto meno”.

Mirella racconta: “Ogni volta che passo li vicino si vedono cartacce e bottigliette, dunque ha fatto bene. La buona educazione e il rispetto mancano”. Le fa eco Anna Rita: “le bestemmie si sentono fino ai balconi delle case di fronte al campetto”. “Possibile che non ci sia un adulto che si senta di accompagnare questi ragazzini?” si domanda Antonio, mentre altri come Paolo e Massimiliano sono più perplessi: “Non è chiudendo le porte che si risolvono i problemi2 scrive il primo, mentre il secondo ironizza: “Adesso che non avranno più nemmeno questo come luogo di aggregazione, vedrete che non bestemmieranno più…”.